In Camerun è in corso la più grave crisi di sfollati del mondo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

I numeri sono drammatici: il conflitto ha portato 1850 morti e 500mila sfollati tra cui tantissimi bambini dall’infanzia negata. Ad oggi, sono 1milione e 300mila le persone che hanno bisogno di assistenza in Camerun dove è in corso la più grave crisi di sfollati al mondo e nessuno ne parla.

A denunciare la situazione è la ong norvegese Norwegian Refugee Council, che pubblica una lista delle dieci situazioni più critiche al mondo. Al primo posto quest’anno c’è il Camerun dove dal 2016 è in corso un conflitto tra gruppi armati governativi e separatisti. Le iniziali proteste pacifiche sono sfociate in una vera e propria guerra nelle zone anglofone del paese.

Nella classifica dopo il Camerun ci sono Congo, Repubblica Centrafricana, Burundi, Ucraina, Venezuela, Mali, Libia, Etiopia e Palestina.

camerun bambini

La crisi secondo la ong sta sfociando in una guerra civile e nonostante gli appelli dell’Onu, la situazione non sembra migliorare. Secondo il dossier della Norwegian Refugee Council a fare il resto ci pensa il silenzio dei media internazionali e la negligenza della politica. Quasi tutti i paesi della top ten sono in Africa.

A pagarne le conseguenze sono soprattutto i bambini che vivono a pieno l’emergenza umanitaria. Secondo il Consiglio norvegese 780mila bambini non possono più andare a scuola perché i villaggi sono stati distrutti. Sul piano sanitario la situazione è grave: decine di ospedali sono stati incendiati, mentre gli abitanti sono costretti a rifugiarsi nel bosco senza alcun tipo di sostentamento.

I tentativi di mediazione non sono serviti a nulla, alla base della crisi secondo la ong norvegese ci sarebbero rivendicazioni di autonomia che risalgono alle spartizioni coloniali.

“La comunità internazionale sembra dormire quando si tratta della crisi in Camerun. Uccisioni brutali, villaggi bruciati e massicci sfollamenti vivono in un silenzio assordante “, avverte il segretario generale del Consiglio norvegese per i rifugiati (NRC), Jan Egeland.

L’elenco annuale delle crisi trascurate si basa su tre criteri: mancanza di finanziamenti, mancanza di attenzione da parte dei media e negligenza politica. Il Camerun ha ottenuto un punteggio elevato su tutti e tre, seguito dalla Repubblica Democratica del Congo e dalla Repubblica Centrafricana, due altre crisi in cui la mancanza di attenzione pubblica ha contribuito alla mancanza di finanziamenti per gli aiuti umanitari.

“Questa cultura della paralisi da parte della comunità internazionale deve finire. Ogni giorno il conflitto si acuisce e la regione si avvicina sempre più ad una guerra in piena regola “, chiosa Egeland.

Leggi anche:

Dominella Trunfio

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.
Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook