Troppo burocratese nella PA: il governo chiede aiuto alla Crusca

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Via il burocratese dai documenti pubblici. Il Ministero della Pubblica Amministrazione oggi annuncerà un accordo con Accademia della Crusca per semplificare e rendere più accessibile la comprensione.

“Punto! Due punti!! Ma si, fai vedere che abbondiamo” diceva Totò. E a distanza di decenni la situazione non è cambiata granché. Almeno finora. Il linguaggio burocratico, compreso quello che troviamo nei moduli da compilare per ottenere un documento, a volte è molto difficile da capire. Riferimenti normativi e termini tecnici sono spesso difficili.

“Chi riempie il modulo per il passaporto di un minore sa sempre cosa significa ‘essere a conoscenza dei motivi ostativi previsti dalla legge 1185 del 1967’? Dobbiamo metterci nei panni di chi quel modulo lo deve riempire” ha detto la ministra della Pubblica amministrazione Fabiana Dadone in un’intervista al Correre.

Il Ministero per la funzione pubblica così ha deciso di chiedere aiuto alla massima autorità in tema di lingua italiana: la Crusca. Oggi la ministra sarà a Firenze per un incontro ufficiale con il presidente dell’Accademia Claudio Marazzini.

burocratese

©Shutterstock/ ldutko

“In modo simile a quanto già accaduto nel 2018, quando l’Accademia si impegnò in una collaborazione con il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, o nel 2017 quando lavorò in sinergia con Enea (Azienda nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile), lo scopo dell’incontro sarà quello di siglare un accordo che dia avvio a un programma di studio e promozione di una comunicazione corretta e chiara in ambito istituzionale” si legge nel comunicato ufficiale dell’Accademia della Crusca.

L’accordo si tradurrà in un progetto, portato avanti a quattro mani dal Ministero e dai linguisti della Crusca, per rendere più chiaro il linguaggio della pubblica amministrazione. In un secondo momento poi verrà emanata una direttiva che offrirà una guida per la scrittura dei moduli. Infine, verranno organizzati dei webinar per formare i funzionari e aiutarli a capire le reali necessità degli utenti.

“Il progetto è pensato nell’interesse di tutta la cittadinanza, poiché una comunicazione istituzionale semplice e trasparente è garanzia di accessibilità e risponde ai principi democratici dello Stato italiano” prosegue la Crusca.

Il burocratese potrebbe avere i giorni contati.

Fonti di riferimento: Accademia della Crusca, Corriere

LEGGI anche:

Accademia della Crusca: no alle parole in inglese per fare filosofia

#petaloso: la parola inventata dal piccolo Matteo conquista la Crusca (e il web)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Fairtrade

Le settimane Fairtrade del commercio equo e solidale: compra etico e scopri online l’impatto dei tuoi acquisti

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook