@Instagram/gretulip

La barca di San Giovanni: un rito antico tra sacro e profano, come quello di San Pietro

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La barca di San Giovanni è un’antica tradizione pagana diffusa in varie zone di Italia, a partire dalla città di Firenze, passando per Friuli e Abruzzo. Scopriamone le origine e il significato.

La barca di San Giovanni è una delle tradizioni più antiche della città di Firenze (e non solo), che si celebra nella notte tra il 23 e il 24 giugno. Un rito dalle origini molto antiche, a metà tra sacro e profano, e il cui scopo è di prevedere come andrà l’intero anno a venire.

Si tratta di un evento molto simile a quello in onore di San Pietro e Paolo, celebrati a Roma il 29 giugno, ossia la cosiddetta barca di San Pietro e Paolo.

Secondo l’antica tradizione contadina, per vedere la barca di San Giovanni occorrono pochissimi ingredienti, ossia un contenitore di vetro o di plastica, dell’acqua, all’incirca un dito, e un albume d’uovo.  (Leggi anche: San Giovanni: la notte delle streghe e la raccolta delle erbe, significato e tradizioni)

La magia si compie proprio nella notte tra il 23 e il 24 giugno; ecco cosa fare:

  • Versa nel contenitore dell’acqua
  • Versa anche la chiara d’uovo 
  • Disponi il contenitore all’esterno, sul balcone, in giardino o in terrazzo, per una notte intera.

La mattina seguente, si può ammirare la barca di San Giovanni e, a seconda della posizione delle vele, è possibile prevedere come andrà l’anno.

 

Le origini della tradizione della barca di San Giovanni

La tradizione della barca di San Giovanni è legata al Cristianesimo, che integrò all’interno della propria liturgia questa festa pagana, associata anche al solstizio d’estate.

Inoltre, intorno a questa ricorrenza vi sono numerose credenze popolari; la più antica racconta che durante la notte del 24 giugno una trave di fuoco attraversa il cielo, e su di essa ci sono Erodiade e la figlia Salomè, che aveva ottenuto da Erode la testa di San Giovanni Battista su un piatto d’argento. 

Secondo i più anziani, invece, all’alba del 24 giugno se si volge lo sguardo verso il sole si può intravedere qualcosa d’oscuro; e si ritiene che, chi tra le ragazze da marito riesce a scorgere la testa di San Giovanni decapitato si sposa entro l’anno. (Leggi anche: Acqua di San Giovanni: leggende, come si prepara e benefici curativi)

Infine, la tradizione narra che chi nasce in questa notte avrà poteri speciali e sarà protetto sia dal malocchio sia dalle energie negative e malefiche.

Ti potrebbero interessare altre tradizioni antiche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Lingue e Civiltà Orientali presso l'Università degli Studi di Roma La Sapienza. Ha diversi anni di esperienza nella comunicazione digitale. Appassionata di beauty, fitness, benessere e moda sostenibile.
Coripet

Meno plastica con le bottiglie realizzate in PET riciclato, Bottle to Bottle di Coripet premia te e l’ambiente

Telepass

Telepass: quante emissioni fa risparmiare non fare la fila al casello?

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook