Il Canada rivela i nomi e restituisce dignità a 2800 bambini indigeni uccisi durante i programmi di rieducazione

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Dopo più di un secolo dalla nascita dei programmi di rieducazione, il Canada restituisce dignità ai bambini indigeni morti in circostanze oscure nelle scuole residenziali, rivelando i nomi di 2800 bimbi nativi degli oltre 4000 uccisi durante il periodo di studio.

Il National Research Centre for Truth and Reconciliation dell’Università di Manitoba ha portato avanti una ricerca durata dieci anni per fare luce su questa drammatica pagina della storia canadese.

Una vicenda agghiacciante che vede protagonisti 150mila  bambini indigeni sottratti alle loro famiglie e costretti a seguire programmi di rieducazione per conformarsi alla cultura occidentale.

Le residenze furono fondate nel 1883 dal governo canadese, presentate come strutture di integrazione innovative e gestite dalla Chiesa cattolica e da quella anglicana.

I bambini, appartenenti alle tribù Inuit, Métis, e Prime Nazioni, venivano tolti ai genitori quando avevano solo quattro anni e sistemati in collegi dove erano obbligati a seguire un programma di istruzione e rieducazione: durante il periodo di studi non gli era permesso parlare la loro lingua e venivano obbligati a conformarsi alla cultura canadese attraverso abusi mentali, fisici e sessuali.

Molti dei bambini non hanno mai fatto ritorno a casa e sono morti in circostanze poco chiare. È il caso ad esempio di Charlie Hunter che morì nell’ottobre 1974, pochi giorni dopo il suo 14 ° compleanno, dopo essere caduto nel ghiaccio mentre frequentava la St. Anne’s Residential School di Fort Albany, Ontario.

Il dramma del genocidio degli indigeni in Canada venne alla luce grazie a un libro pubblicato nel 1922 da Peter Bryce, che raccontò delle violenze subite dagli indiani canadesi. L’ultima residenza scolastica venne però chiusa nel 1996, poco più di vent’anni fa.

Oggi finalmente 2800 vittime escono dall’anonimato: i loro nomi sono stati scritti su uno striscione rosso lungo 50 metri e pronunciati uno a uno durante durante l’Orange Shirt Day, cerimonia in onore delle vittime e dei sopravvissuti delle residenze canadesi che si è svolta presso Canadian Museum of History, a Gatineau.

I nomi dei bambini sono stati inseriti in un registro permanente che verrà conservato all’interno del museo, perché non si dimentichi la loro terribile storia.

Leggi anche:

Tatiana Maselli

Photo credit: The Globe and Mail

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze e Tecnologie Erboristiche, redattrice web dal 2013, ha pubblicato per Edizioni Età dell’Acquario "Saponi e cosmetici fai da te", "La Salvia tuttofare" e "La cipolla tuttofare".
Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook