La Nuova Zelanda distribuirà da giugno assorbenti e tamponi gratis in tutte le scuole

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Si chiama period poverty ed è la disparità sociale delle mestruazioni, ossia quelle discriminazioni di classe e di genere legate al ciclo mestruale. In Nuova Zelanda la si vuole eliminare ed è così che qui le ragazze di tutte le scuole avranno assorbenti e tamponi gratuiti a partire da giugno.

Un’iniziativa annunciata dalla Premier Jacinda Ardern e che segue un programma pilota di successo lanciato intorno alla metà dello scorso anno e che ha già fornito prodotti sanitari gratuiti a circa 3.200 giovani in 15 scuole.

Leggi anche: La Nuova Zelanda darà assorbenti e tamponi gratis alle studentesse

L’anno scorso abbiamo deciso che non era un bene che una ragazza di 12 anni saltasse la scuola perché non aveva sufficienti risorse per acquistare i prodotti sanitari che le sono necessari in quel periodo e abbiamo iniziato un progetto pilota presso scuole come Fairfield College per capire se potevamo fare la differenza fornendo prodotti a scuola gratis. Oggi, abbiamo annunciato che da giugno faremo girare i nostri prodotti per le mestruazioni gratuitamente nelle scuole primarie, intermedie, secondarie e kura (le scuole Māori, ndr) in tutto il paese”, annuncia Jacida sui social.

Di fatto, i problemi legati alle mestruazioni  con i periodi scolastici includono imbarazzo, stigma, lezioni mancanti, essere “colte alla sprovvista” senza prodotti, costi, mancanza di conoscenza e disagio.

Fornire prodotti mestruali gratuiti a scuola è un modo in cui il governo può affrontare direttamente la povertà, aiutare ad aumentare la frequenza scolastica e avere un impatto positivo sul benessere dei bambini”, conclude la Ardern.

E qui da noi? Per il momento ancora si spera che prima o poi anche qui si vada verso un gesto di civiltà nei confronti delle donne più svantaggiate o quanto meno di avere una tassazione più equa su assorbenti e tamponi (in Italia l’IVA al 5% è applicata solo per i tamponi e gli assorbenti compostabili e biodegradabili mentre per gli altri è ancora al 22%).

Se volete optare per una soluzione senza dubbio sostenibile ed economicamente vantaggiosa provate la coppetta mestruale.

Fonte: Jacinda Ardern Facebook / CNN

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per greenMe dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
eBay

Pulizie di primavera: fai ordine in casa e nell’armadio vendendo online quello che non usi

Foodspring

Colazione proteica vegan per chi la mattina ha il tempo contato

NaturaleBio

ebay

Seguici su Instagram
seguici su Facebook