Armine, la modella di Gucci attaccata e insultata per la sua bellezza ‘anticonvenzionale’

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il body shaming colpisce ancora e questa volta la vittima è Armine Harutyunyan, modella di Gucci la cui “colpa” è non corrispondere ai canoni di bellezza classici. La sua sfilata alla Fashion Week di settembre a Parigi ha infatti scatenato un mare di insulti.

Una schiera di misogini, e anche razzisti armenofobi, hanno continuato ad attaccarla, denigrandola per il suo aspetto non convenzionale, definendola brutta e inadatta al mondo della moda. Nel suo stesso paese, l’Armenia, purtroppo è stata di vittima di moltissimi haters.

Sui social non sono mancante le derisioni anche da parte di altre donne, come segnala su facebookDiariodiunmarocchino“, che l’hanno denigrata con commenti vergognosi:

“…Commenti che vertono solo alla denigrazione fisica, alla distruzione psicologica di una donna che sta cercando solo di realizzare il sogno di diventare “Modella”. Senza togliere niente a nessuno.”

La sua immagine è circolata accompagnata addirittura dalla domanda: “voi ci uscireste a cena?

modella gucci insultata

©Besti

Alessandro Michele, attuale direttore creativo di Gucci, si è fatto da subito riconoscere per le sue scelte estetiche anticonvenzionali che, se per alcuni sono semplice questione di marketing, insomma un modo per stupire fine a se stesso, per altri veicolano una nuova idea di mondo inclusivo e aperto verso la “diversità”.

A prescindere dal marketing e dalle contraddizioni, è comunque interessante che un brand di tale portata proponga modelli alternativi ai classici standard, come nel caso di Armine Harutyunyan, perché è anche attraverso scelte di questo tipo che si contribuisce a cambiare la mentalità, nel caso specifico dimostrando che esistono tanti tipi diversi di bellezza.

View this post on Instagram

Quarantan🔫

A post shared by Armina 🇦🇲 (@deararmine) on

E che non corrispondere alla bellezza comunemente intesa, spesso associata a corpi statuari e volti dai lineamenti “armonici”, non è una colpa. Purtroppo non sembra rendersene conto chi deride il corpo altrui perché non rispetta i canoni estetici della cultura in cui vive. Queste persone, consapevoli o meno, alimentano il pericoloso fenomeno del body shaming.

Ma che senso ha continuare a giudicare le persone, a umiliarle e criticarle perché non sono come riteniamo che dovrebbero essere? Con che presunzione ci arroghiamo il diritto di decidere cosa va bene e cosa no, cos’è “davvero” bello e cosa non lo è? Questi soprusi devono finire!

FONTI: Facebook

Ti potrebbe interessare anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze dei Beni Culturali, redattrice web dal 2008 e illustratrice dal 2018, ha pubblicato per Giochidimagia Editore "Il sogno attraverso il tempo". Con SpiceLapis ha realizzato "Memento Mori, guida illustrata ai cimiteri più bizzarri del mondo".
Quercetti

Questi giocattoli sono riciclabili e organici: stimolano la fantasia e insegnano a rispettare l’ambiente

Schär

Quando il senza glutine incontra il biologico: nasce la linea Schär BIO

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook