Adriano Olivetti, 60 anni fa moriva l’imprenditore che aveva a cuore lavoratori e ambiente

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il 27 febbraio del 1960, alla vigilia del carnevale, ci lasciava Adriano Olivetti, morto all’improvviso mentre viaggiava in treno da Milano in Svizzera.
Ivrea, città natale dell’ingegnere piemontese, quell’anno annullò la tradizionale battaglia delle arance.

Adriano Olivetti era un industriale e un imprenditore: al momento della sua scomparsa, la storica fabbrica Olivetti dava lavoro a 36 mila persone, di cui 25mila in Italia.

Olivetti era però anche un intellettuale e un visionario, capace di intraprendere strade mai percorse prima di lui.

Le sue fabbriche erano caratterizzate da grandi vetrate, così che potesse entrare luce negli ambienti di lavoro e per consentire ai dipendenti di mantenere un rapporto con la natura e il territorio, senza sentirsi alienati dal lavoro.

Per evitare che le persone spopolassero le campagne, allontanandosi dalla natura per trasferirsi a Ivrea a lavorare nelle sue fabbriche, Olivetti forniva prestiti agevolati ai propri dipendenti, perché questi potessero mantenere la loro attività agricola.

Olivetti aveva voluto anche una biblioteca aziendale, che poteva essere frequentata dai dipendenti anche durante l’orario di lavoro. Nei locali adibiti a mensa, poi, erano abitualmente organizzati spettacoli teatrali per i lavoratori.

“ Questa nuova serie di edifici posta di fronte alla fabbrica sta a testimoniare con la diligente efficienza dei suoi molteplici strumenti di azione culturale e sociale che l’uomo che vive la lunga giornata nell’officina non sigilla la sua umanità nella tuta di lavoro ”, sono le parole di Olivetti, pronunciate nel 1958 in occasione dell’inaugurazione della biblioteca e dell’infermeria aziendali.

Gli effetti delle idee della sua filosofia, sono ancora visibili oggi, a cominciare dall’orario di lavoro: l’Olivetti ridusse infatti l’orario di lavoro da 48 a 45 ore settimanali a parità di salario nel 1956, anticipando di diversi anni quello che poi è stato raggiunto a livello nazionale con i contratti collettivi del lavoro.

L’Olivetti fu inoltre la prima azienda italiana a riconoscere il congedo di maternità per 9 mesi e mezzo garantendo l”80% della retribuzione, quando ancora la misura non era prevista dalla legge, e a costruire asili nido vicini alle fabbriche.

Servizi sociali che Olivetti forniva prima dell’intervento pubblico, concepiti come un diritto dei lavoratori e non come concessione. Perché l’idea di Adriano Olivetti era quella di costruire un’azienda con una precisa funzione e con una responsabilità sociale, non solo orientata al profitto.

“Può l’impresa darsi dei fini che non siano identificabili esclusivamente negli indici dei profitti ?”, era la domanda a cui Olivetti cercava di rispondere.

Fonti di riferimento: Le città di Olivetti/Fondazione Adriano Olivetti

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze e Tecnologie Erboristiche, redattrice web dal 2013, ha pubblicato per Edizioni Età dell’Acquario "Saponi e cosmetici fai da te", "La Salvia tuttofare" e "La cipolla tuttofare".
Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook