greenwashing

Il green è di tendenza e incentiva le vendite: così, almeno, sembrano pensarla numerose aziende, che si preoccupano di pubblicizzare i propri prodotti come “sostenibili” ed “ecofriendly”attraverso massicce campagne di sensibilizzazione e di marketing(talvolta incorrendo anche in errori grossolani…).

Si tratta, troppo spesso, di operazioni di greenwashing, attività di comunicazione non sorrette da sforzi “reali” a difesa dell’ambiente. Ciò significa che sul mercato sono presenti numerosissimi prodotti reclamizzati come green senza che tale reputazione abbia alcuna giustificazione o riscontro oggettivo.

Vediamone alcuni:

1. Carbone pulito

clean-coal-

Cominciamo da un tema controverso: il carbone pulito o clean coal, un insieme di tecniche volte a ridurre l’inquinamento e l’impatto ambientale della tradizionale industria del carbone, aumentando l’efficienza degli impianti e riducendo le emissioni. L’idea è risultata particolarmente appetibile agli addetti ai lavori, per via dei costi più contenuti di questa materia prima rispetto ad altre fonti energetiche, e nei soli Stati Uniti sono attualmente attivi ben 80 progetti. Ma può davvero la più inquinante delle fonti fossili diventare “pulita”? Non sarebbe forse più corretto parlare di soluzioni e tecnologie per ridurre l’impatto del carbone e renderlo “meno nocivo”? Anche perché i (pochi) dati finora disponibili parlano di un abbattimento minimo delle emissioni, ben al di sotto degli standard ipotizzati/sperati.

2. Biocarburanti

biocarburanti

Sono stati etichettati come “l’alternative pulita ed economica” ai combustibili fossili, una definizione che potrebbe trarre in inganno: alla base dei biocarburanti ci sono infatti piante e raccolti che altrimenti verrebbero destinati all’alimentazione. E il nostro pianeta non può sostenere estensioni di coltivazioni tali da far fronte sia alla crescente domanda di cibo che a quella di biocarburanti. Il risultato è che, allettati dalle maggiori possibilità di guadagno, molti coltivatori preferiscono vendere i propri raccolti per destinarli alla produzione di biocarburanti, determinando così scarsità di derrate alimentari e aumento dei prezzi dei cibi e penalizzando soprattutto le popolazioni più povere.

3. Acqua minerale

acqua_minerale

Viene considerata da molti come una delle forme più pulite di acqua: ma, ammesso e non concesso che sia vero, ne vale davvero la pena? L’acqua minerale viene generalmente commercializzata in bottiglie di plastica non biodegradabili, che vanno ad arricchire le discariche – come se ce ne fosse bisogno… - e che sono prodotte con grande dispendio di energia e cospicue emissioni di gas.

4. Gadget e giocattoli

gadget_tecnologici

I produttori di gadget e giocattoli cercano spesso di rendere accattivanti i loro prodotti ricorrendo a packaging riciclati o riciclabili, oppure abusando, in alcuni casi, di colori e simboli che richiamano la natura, o, ancora, ricorrendo a loghetti specifici per indicare il carattere ecologico e/o riciclabile del prodotto. Tuttavia, dietro questi sforzi “estetici” si nascondono troppo spesso plastiche non biodegradabili e componenti chimiche dannose quali l’arsenico, il piomboe il mercurio. Per questo, fate molta attenzione e non accontentatevi mai di qualche parolina magica o fogliolina verde!

5. Carne

carne

Nel banco frigo del supermercato capita di trovare prodotti di carne contrassegnati da etichette che ne decretano l’alta qualità, spesso accompagnate da termini quali “naturale” e “biologico”. Ricordate però che molta di questa carne proviene comunque da allevamenti industriali sovraffollati e che, in alcuni casi, gli animali hanno ingerito, nel corso della loro esistenza, antibiotici e ormoni che ne hanno incrementato artificialmente la crescita.

6. Bevande analcoliche

cocacola_green

Molte aziende produttrici di bevande analcoliche pubblicizzano i propri sforzi e le proprie iniziative a tutela delle riserve idriche del pianeta. Tuttavia, nessuna di esse rivela il proprio ruolo nell’impoverimento di quelle stesse riserve: ad esempio, sapevate che sono necessari più di 5 litri di acqua per produrre 2 litri di bevanda analcolica tipo Coca Cola?

7. Piatti e bicchieri di carta

piatti_di_carta

Oggi piatti e bicchieri di carta vanno molto di moda, perché ritenuti “ecosostenibili” e “biodegradabili”. In realtà, la maggior parte dei prodotti attualmente in commercio non lo è per nulla e finisce, come tanti altri articoli usa e getta, per riempire le nostre discariche. Come se questo non bastasse, ricordate che maggiore è la domanda di piatti e bicchieri in carta e maggiore diventa, di conseguenza, lo sfruttamento delle risorse boschive.

Di fronte ad operazioni pubblicitarie furbette o accattivanti, spesso in grado di affascinare e trarre in inganno anche le persone più avvedute, non resta che tenere gli occhi ben aperti e non smettere mai di cercare e richiedere informazioni.

Lisa Vagnozzi

Leggi anche 11 cose che pensavi fossero green e invece...

 

monge

Monge

20 cose che il tuo cane e gatto non dovrebbero mai mangiare

plt energy

PLT puregreen

I vantaggi di scegliere un operatore di energia da fonti rinnovabili

sai cosa compri
dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
seguici su facebook
manifesto
banner calendario
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram