@Ansa

40 anni fa moriva per omicidio John Lennon

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Venne ucciso da diversi colpi di pistola esattamente 40 anni fa, l’8 dicembre 1980, il mitico John Lennon. L’assassino si chiamava Mark David Chapman e quando gli fu chiesto, dal custode del Dakota Building, se si rendesse conto di cosa aveva fatto, lui rispose impassibile, “Sì, ho appena sparato a John Lennon“.

L’aveva avvicinato quella sera stessa, come spiega il libro “Amore, morte e rock’n’roll – Le ultime ore di 50 rockstar” del giornalista Ezio Guaitamacchi , mentre Lennon usciva di casa. Gli aveva chiesto un autografo sulla copertina di “Double Fantasy”, poi attese il suo rientro per diverse ore. Alle 22:50 gli sparò.

La polizia, prima ancora dell’arrivo dell’ambulanza, lo trasportò d’urgenza all’ospedale più vicino, ma ormai era troppo tardi.

Chapman spiegò di averlo fatto per liberarsi dalla depressione cosmica che lo avvolgeva, si sentiva una nullità e voleva diventare qualcuno. Credeva che uccidendo l’uomo più famoso del mondo ci sarebbe riuscito. Disse in merito a Lennon: “il suo tutto e il mio nulla hanno finito per scontrarsi frontalmente“.

Chapman, che si dichiarò colpevole, venne condannato alla reclusione da 20 anni all’ergastolo. Chiese più volte, mentre era in carcere, la libertà condizionata ma non la ottenne mai per opposizione di Yōko Ono.

FONTE: Ansa

Ti potrebbe interessare anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze dei Beni Culturali, redattrice web dal 2008 e illustratrice dal 2018, ha pubblicato per Giochidimagia Editore "Il sogno attraverso il tempo". Con SpiceLapis ha realizzato "Memento Mori, guida illustrata ai cimiteri più bizzarri del mondo".
Seguici su Instagram
Seguici su Facebook