Tampon Tax

Salta la riduzione Iva per gli assorbenti e i pannolini e l’aliquota rimane tra le più alte del mondo

Assorbenti e pannolini ancora tra i prodotti considerati di lusso, tra quelli, cioè, di cui è possibile fare a meno. In questo stato di cose, con o senza ali, interni, da notte o salvaslip, continuano a campeggiare tra gli scaffali dei supermercati con un’Iva pari al 22%, esattamente come le sigarette o il vino o altri prodotti che non sono considerati di prima necessità. E, insieme a loro, i pannolini dei nostri bebè che pure ci costano caro. 

Questo perché l'emendamento alla manovra per ridurre l'Iva al 5% sui prodotti “per la protezione dell’igiene femminile, dei neonati, dei disabili e degli anziani” è stato accantonato. Insomma, l’aliquota ordinaria introdotta nel 1973 e che via via è cresciuta fino al 22% rimane tale, e pace al nostro portafogli.

Un controsenso, se si considera che i “prodotti igienici femminili” li usiamo per buona parte della nostra vita, tutti i mesi, 12 mesi all’anno. Non è in caso, infatti, che nella maggior parte degli altri Paesi la tassazione non vada oltre il 6% e che quelli che noi consideriamo arretratissime nazioni come la Nigeria, il Libano, la Giamaica e il Nicaragua abbiano un tasso pari a zero. Qui, invece, le donne, già penalizzate dal punto di vista economico e lavorativo, devono continuare a sostenere dei costi eccessivi per un prodotto igienico che comunque è indispensabile.

Di fatto, se non è “prima necessità” l’utilizzo dei pannolini? E invece pare piuttosto essere una condizione sulla quale aleggia l’ombra del più becero dei maschilismi, se mettiamo in conto – come ricordano le associazioni delle femministe – che sui rasoi da barba, per esempio, vige un’aliquota al 4%, perché “beni primari” come latte e occhiali.

La Tampon Tax negli altri Paesi

tampon tax

L'Italia, manco a dirlo, rimane la pecora nera insieme a pochi altri stati, come l'Ungheria, che ha una aliquota al 27%, la Danimarca, la Svezia e la Norvegia, che arrivano al 25%.

Per il resto, il primo Paese che ha agito per calmierare il prezzo finale degli assorbenti è stato il Kenya, che dal 2004 ha cominciato a diminuirne la tassazione e dal 2011 distribuisce gratuitamente assorbenti nelle scuole. Nel 2015 il Canada e lo stato di New York hanno cancellato l’imposta sugli assorbenti, stessa cosa l'ha fatta l'India a luglio scorso. Più recentemente altri stati come Maryland, Massachusetts, Minnesota, New Jersey e Pennsylvania hanno seguito lo stesso esempio, mentre nel resto degli Stati Uniti la tassazione varia dal 4 al 9%. Ultimamente, anche in Australia è stata azzerata l’imposta del 10%. 

Quanto all'Europa, la Spagna ha annunciato che dal prossimo anno l’Iva sui prodotti femminili passerà dal 10 al 4% l’Irlanda e la Scozia, che ha avviato la distribuzione gratuita alle studentesse, hanno azzerato la tassazione sugli assorbenti. Nel 2015 un provvedimento in Francia ha ridotto l’imposta sui prodotti femminili dal 20 al 5,5% e infine il Belgio è passato dal 20 al 6%, mentre in Olanda la tassazione era già al 6.

Intanto, in attesa che il tentativo di cambiamento di qualcuno venga preso in considerazione anche qui, ecco a voi 5 valide alternative agli assorbenti usa e getta.  

Leggi anche

Germana Carillo

monge

Monge

20 cose che il tuo cane e gatto non dovrebbero mai mangiare

plt energy

PLT puregreen

I vantaggi di scegliere un operatore di energia da fonti rinnovabili

sai cosa compri
dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
seguici su facebook
manifesto
banner calendario
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram