matrimonio-forzato

La maggior parte delle donne guineensi non sceglie liberamente il proprio marito, ma è costretta a sposarsi giovanissima con un uomo più grande e imposto dalla famiglia. Non a caso, l’85% della violenza contro le donne si manifesta tra le mura domestiche.

Nel 67% dei casi gli aggressori sono i coniugi, mentre nel 33% altri membri della famiglia. Non solo, secondo lo studio Quadro legal dos direitos humanos”, Liga guineense dos direitos humanos, il 41% delle donne intervistate in un altro studio (Un ritratto di violenza contro le donne in Guinea-Bissau) ha dichiarato di non aver scelto il proprio marito.

Nonostante nel 2014 in Guinea- Bissau sia stata promulgata la “Legge sulla criminalizzazione di tutti gli atti di violenza praticati nell’ambito delle relazioni domestiche e familiari”, non esistono a oggi casi giudicati.

E purtroppo i dati parlano chiaro. Tra il 2006 e il 2010 sono stati registrati dalle autorità giudiziarie e di sicurezza 23193 casi di violenza domestica, ma il 71% delle vittime intervistate non ha mai sporto denuncia. In media, solo 5 casi di violenza domestica vengono denunciati al giorno in tutto il Paese.

Non si denuncia per mancanza di conoscenza delle legge e dei diritti legali delle donne, per la carenza di competenza di strutture statali e in particolare della polizia e infine per l’assenza di capacità dello Stato e delle organizzazioni tradizionali di proteggere le vittime.

spose bambine

I matrimoni forzati

In Guinea-Bissau, i matrimonio forzati sono una pratica consolidata, purtroppo non esistono leggi valide e quindi a 14 anni, le ragazzine si ritrovano ad essere mogli e precocemente madri.

“Il matrimonio forzato oltre a influenzare il principio di libertà e di auto-determinazione delle donne, mette in pericolo la loro integrità fisica e morale e rende la situazione ancora più allarmante quando associato al matrimonio precoce, con conseguenze come abusi sessuali, gravidanze precoci, abbandoni scolastici e mortalità materna” spiega Paola Toncich, coordinatrice del progetto di Mani Tese.

Il progetto Libere dalla violenza

Il 7 marzo è la giornata internazionale della donna, in questo contesto prende il via il progetto finanziato dall’Ue, ‘Libere dalla violenza’ che ha lo scopo di sostenere e accompagnare le donne che hanno subito maltrattamenti.

L’impossibilità di accesso delle donne al sistema giudiziario formale è una delle sfide da affrontare per assicurare alle vittime sia la protezione giudiziaria che della polizia, insieme a quella di garantire i servizi sociali di emergenza per facilitare il recupero e il reinserimento sociale delle donne vittime di violenza e delle ragazzine che scappano dal matrimonio forzato.

“Nel Paese si creeranno ed equipaggeranno tre centri regionali di servizio di attenzione alla vittima e una casa rifugio, che si occuperanno di fornire assistenza educativa, psicosociale e legale”, conclude Paola Toncich.

Altre storie di bambine maltrattate:

Inoltre si selezioneranno alcuni spazi informali, costituiti da un certo numero di famiglie che, in modo autonomo e indipendente, accolgono le donne. L’obiettivo è dotare questi differenti spazi d’accoglienza di una metodologia comune, da costruire attraverso la partecipazione dei partner, delle organizzazioni della società civile e dei ministeri competenti. Tutto il progetto si svolgerà in collaborazione con un partenariato internazionale.

Dominella Trunfio

Photo Credits: © UNICEF/UNI202461/Kassaye

casa verde

Reale Mutua

La casa verde: pannelli solari e pozzi geotermici

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram