shrek_film

Tutti conoscono Shrek, il film di animazione di Andrew Adamson e Vicky Jenson e record di incassi, ma pochi sanno che il popolare personaggio forse è esistito davvero.

Basato sulla fiaba omonima del ‘90 di William Steig, il personaggio di Shrek pare sia ispirato da Maurice Tillet, un wrestler che visse nei primi anni del Novecento e che soffriva di acromegalia, una sindrome cronica.

Tillet sviluppa in gioventù questa malattia che porta ad una crescita fuori scala dei tessuti a causa di un eccesso di ormone della crescita. Nato negli Urali da genitori francesi, Tillet si trasferisce a Reims in Francia, durante la rivoluzione.

Ma all’età di 17 anni, iniziano per lui i problemi. Non solo gigantismo al naso, alla testa e alle mani, ma anche dolori come emicranie, artrite e diabete. Nonostante tutto però, Tillet si arruola nella marina francese e durante uno dei suoi viaggi incontra Carl Pojello, un wrestler professionista che lo convince a salire sul ring.

shrek film1

Abbandona così il sogno di diventare attore e abbraccia quello di lottatore. All’inizio della Seconda guerra mondiale inizia la sua carriera negli Stati Uniti, lottando fino alla sua morte, avvenuta a soli 51 anni.

Un uomo dal cuore grande che amava gli animali e aveva perfino un asino. Soprannominato 'Angelo francese', il campione è diventato una leggenda e anche se gli autori di Shrek non hanno mai confermato di essersi ispirati a lui, la somiglianza c’è ed è palese.

shrek film2

Altre storie che toccano il cuore:

Soprattutto perché, sul ring erano in molti a chiamarlo ‘orco’. Aspetto fisico, soprannome, un asino per amico, come non pensare a Shrek? E proprio come il personaggio animato, Tillet era visto come un mostro, ma in realtà era un guerriero della vita, un uomo che nonostante le difficoltà, non si è arreso, arrivando al traguardo.

La storia di Tillet è una lezione di vita perché è quella di una persona che ha imparato ad accettarsi ed essere se stesso, anche se lontano dagli standard imposti dalla società.

Ad un certo punto, ha smesso di pensare a ciò che gli altri vedevano in lui, convivendo al meglio in quel corpo in cui probabilmente non ci si ritrovava. Ognuno di noi ha il dovere e il diritto di migliorarsi, ma bisogna anche accettarsi per non rimanere intrappolati da paura immaginarie. 

Solo così facendo l’orco verde riesce a salvare la sua principessa Fiona.

Dominella Trunfio

Foto

geronimo stilton

Trocathlon

Torna il mercatino dell'usato di Decathlon che fa bene all'ambiente e al portafogli

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram