esami_di_stato

Prima prova esami di stato, ecco le tracce della maturità 2017. Sono i versi del lungimirante Giorgio Caproni ad accompagnare, in queste ore, oltre 500mila studenti che affrontano la maturità.

La natura ancora una volta tra i banchi di scuola, da dove usciranno i cittadini di domani. Ed ecco che nella prima prova, quella del tema d’italiano, tra le varie opzioni spuntano i ‘Versicoli quasi ecologici’ di Giorgio Caproni, autore che da sempre mette l’ambiente prima dell’uomo.

Chi era Giorgio Caproni? Un poeta, ma anche un critico letterario livornese scomparso nel 1990. Di lui si hanno saggi, racconti e tante traduzioni di opere importanti come quelle di Proust, Maupassant e Flaubert.

La poesia scelta dal Miur e che speriamo non abbia fatto disperare gli studenti, è ‘Versetti quasi ecologici’, contenuta nella raccolta postuma Res Amissa, uscita appunto nel 1991.

Di che cosa parlano i suoi versi?

Sono una celebrazione della natura, quasi una visione lungimirante dell’importanza di proteggere l’ambiente in tutte le sue forme. Infatti, la lirica è metaforicamente divisa in due: da un lato l’esaltazione, dall’altro un monito, una sorta di invettiva contro chi approfitta della natura per i suoi scopi, concludendo con un verso di tristezza e rassegnazione: "Come potrebbe tornare a esser bella la terra, senza l'uomo".

Chi è il colpevole? L’uomo che si dimentica della funzione vitale della natura e la deturpa per scopi economici, che diventa padrone assoluto del paese, trasformandolo per sempre.

Per Caproni la natura è portatrice d’amore, infatti, lui sostiene che l’amore stesso finisca dove “finisce l’erba e l’acqua muore”.

Ecco la poesia:

Non uccidete il mare,
la libellula, il vento.
Non soffocate il lamento
(il canto!) del lamantino.
Il galagone, il pino:
anche di questo è fatto
l’uomo. E chi per profitto vile
fulmina un pesce, un fiume,
non fatelo cavaliere
del lavoro. L’amore
finisce dove finisce l’erba
e l’acqua muore. Dove
sparendo la foresta
e l’aria verde, chi resta
sospira nel sempre più vasto
paese guasto: Come
potrebbe tornare a essere bella,
scomparso l’uomo, la terra.

Qualche trucchetto per stare bene in questo periodo di forte stress:

 

 


Le altre tracce

Secondo le prime indiscrezioni, ancora la natura per il saggio breve in ambito artistico con immagini di quadri di William Turner e Giuseppe Pellizza da Volpedo e i versi di Pascoli.

Per il saggio breve socio-economico, la robotica e nuove tecnologie nel mondo del lavoro, da uno dei testi di Enrico Marro, articolo da IlSole24Ore; per quello storico-politico disastri e ricostruzioni.

 

Il Tema storico: "Il miracolo economico italiano", citazioni da Piero Bevilacqua da "Lezioni sull'Italia repubblicana" e da Paul Ginsborg da "Storia d'Italia dal dopoguerra a oggi".

Il progresso è al centro del tema di attualità partendo da una citazione di Edoardo Boncinelli ("Per migliorarci serve una mutazione").

Dominella Trunfio

I CORSI CHE TI FANNO STARE BENE!

Più di 100 corsi online su Alimentazione, Benessere, Psicologia, Rimedi naturali e Animali a partire da 5€. Test, attestati e la possibilità di vederli e rivederli quante volte vuoi!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su instagram
seguici su facebook
fai la cosa giusta

Dai blog