lidl supermercati cosa nostra

Le mani del clan catanese Laudani sulle società dei vigilantes che lavoravano in più di duecento supermercati Lidl e al Trubunale di Milano. Quindici le ordinanze di custodia cautelare a firma del gip Giulio Fanales.

Milano e Catania uniti dal filo sottile della criminalità organizzata che si era insidiata nella nota catena di supermercati e allo stesso tempo nel palazzo di giustizia.

L’ultima inchiesta del procuratore aggiunto Ilda Boccassini e del pm Paolo Storari porta in tribunale i Laudani lo storico clan di Cosa nostra catanese, soprannominati i “mussi i ficurinia”, ovvero musi da fico d’india. Associazione a delinquere, favoreggiamento e corruzione i capi d'imputazione su 15 persone.

Nello specifico, quattro direzioni generali che gestiscono più di duecento supermercati Lidl e cinque società con seicento dipendenti che si occupano di vigilanza al Tribunale milanese sono state poste in amministrazione giudiziaria.

Le direzioni generali si trovano una in Lombardia due in Piemonte e una in Sicilia. Nel dettaglio sono quelle di Volpiano, Biandrate, Somaglia e Misterbianco.

Come si legge nell’ordinanza del gip Fanales c’era:

Stabile asservimento di dirigenti Lidl Italia srl, preposti all'assegnazione degli appalti, onde ottenere l'assegnazione delle commesse, a favore delle imprese controllate dagli associati, in spregio alle regole della concorrenza con grave nocumento per il patrimonio delle società appaltante”.

Precisa Boccassini: "Sapevano quali fossero le persone giuste da corrompere, pescavano in un laghetto sicuro".

Secondo il pool antimafia milanese, venivano prodotti reati tributari per creare le provviste di denaro portato in contanti in Sicilia in almeno otto viaggi per il sostentamento della famiglia mafiosa.

In particolare, c'erano due gruppi di referenti al Nord ai quali la Lidl Italia aveva appaltato commesse.

C’era un’unica differenza: mentre al Nord le commesse era ottenute pagando tangenti private ad ex funzionari o responsabili in carica alla Lidl, al Sud l’aggiudicazione degli appalti nei supermercati avveniva attraverso il versamento di denaro al clan Laudani.

I Vigilantes del tribunale

Anche la società dei vigilantes del Tribunale di Milano è nel mirino della Dda, indagata per la legge 231. Dalle indagini sarebbero emersi stretti rapporti tra alcuni dirigenti delle società coinvolte e alcuni personaggi ritenuti appartenenti alla famiglia dei Laudani.

La replica della Lidl

"Lidl Italia si dichiara completamente estranea a quanto diffuso in data odierna dai principali media in relazione all'operazione gestita dalla DDA. L'Azienda, che è venuta a conoscenza della vicenda in data odierna da parte degli organi inquirenti, si è resa da subito a completa disposizione delle autorità competenti, al fine di agevolare le indagini e fare chiarezza quanto prima sull'accaduto. Lidl Italia precisa, inoltre, che l'Azienda non risulta indagata e non vi sono sequestri in atto".

Dominella Trunfio

banner guida pulizie

Scrittori di classe

Come iscrivere la tua scuola a "salvare il Pianeta”, il concorso di Conad e WWF

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
settimana riduzione rifiuti 2018
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram