L'Olocausto dei nativi americani: una strage di cui nessuno parla

nativi_americani

Accanto al dramma della Shoah entrato tristemente nei libri di scuola esiste un altro massacro, quello di cui nessuno parla, quello che ogni anno non viene celebrato, quello che non restituisce dignità alle vittime.

È l’olocausto degli Indiani d’America, lo sterminio di tutte le etnie indie che popolavano il continente prima dell’arrivo degli occidentali.  È conosciuto anche come i “500 anni di guerra”, perché furono uccisi quasi 100 milioni di esseri umani in nome della colonizzazione.

Non morirono solo i nativi, ma anche le loro tradizioni, la cultura e venne distrutto per sempre un habitat naturale incontaminato.

La scoperta dell’America fu per i nativi l’inizio della fine perché quella data segnò l’avanzata del massacro che si concluse solo nella Prima guerra mondiale.

Intere comunità vennero sterminate all’interno dei loro villaggi dagli eserciti regolari, alcuni morirono perché gli occidentali portarono con sé vaiolo e altre malattie, altri di fame dopo la devastazione di piante e animali.

LEGGI anche: INDIGENI GUARANÌ SOTTO ATTACCO: ECCO COME MUORE CHI DIFENDE LA TERRA IN BRASILE (FOTO E PETIZIONE)

L’intero continente americano fu trasformato dopo l’arrivo di Colombo e gli occidentali non fecero altro che quello che Hitler attuò nei campi di concentramento. In numerosi testi storici, viene raccontato che il dittatore nazista per la sua idea folle di sterminio degli ebrei a favore della razza ariana, si ispirò proprio all’Olocausto dei nativi americani.

LEGGI anche: INDIGENI: OMICIDI E SFRATTI CONTRO I POPOLI CHE DIFENDONO LE TERRE ANCESTRALI

nativi americani1

Per l’olocausto americano, gli occidentali si appellarono al fatto che i nativi  non avevano intenzione di sottomettersi al popolo bianco, cedendo le loro terre ancestrali e incontaminate, a uso e consumo degli occidentali.

L’atteggiamento, già dalla scoperta dell’America, era chiaro: i colonizzatori si erano eretti a entità superiori giudicando i nativi come “selvaggi e da civilizzare”.

Proviamo a sintetizzare il perché si arrivò allo scontro. Ci sono tantissimi motivi alla base anche se tutto è legato da un unico filo conduttore, quello di impossessarsi di terre e ricchezze dei nativi, spesso però guerre e uccisioni vennero giustificate da motivi ideologici. 

Nel corso del XVI a decimare i pellerossa ci pensarono anche vaiolo, influenza, varicella, morbillo, tutte patologie sbarcate assieme agli occidentali.

Malattie inesistenti in America, per questo mentre le popolazioni europee avevano sviluppato anticorpi, gli indiani si ammalarono e morirono senza cure. Si stima che circa un decimo dell'intera popolazione mondiale fu decimato. 

Durante la guerra di secessione americana, tra gli episodi da non dimenticare, c'è il massacro Sand Creek  del 29 novembre 1864, avvenuto durante la guerra del Colorado. Un episodio tragico in cui 600 nativi americani membri delle tribù Cheyenne meridionali e Arapaho, vennero attaccati da 700 soldati comandati dal colonnello John Chivington, nonostante i trattati di pace stipulati con i capi tribù locali. 

Un massacro senza precedenti di donne e bambini che sfociò in diverse investigazioni da parte dell'esercito statunitense.

LEGGI anche: INDIGENI PICCHIATI E SFRATTATI PER FARE POSTO ALLE PIANTAGIONI DI OLIO DI PALMA (FOTO)

Purtroppo una situazione che continua anche oggi, la storia qualcuno direbbe, non c’ha insegnato nulla. E parliamo di tutte le volte che gli indigeni del Sud America vengono picchiati, sfrattati, uccisi per fare spazio a dighe e piantagioni di olio di palma.

 

Dominella Trunfio

Foto: Indiani America