fertilyday2016

Magari la maggior parte degli italiani aveva sperato che sarebbe stato un giorno in cui le coppie potessero fare screening gratuiti sulla fertilità, proprio perché con dati alla mano, una coppia su cinque non riesce ad avere figli.

Di certo, nessuno si sarebbe aspettato che il Fertility Day, promosso dal ministero della Salute e previsto per il 22 settembre, fosse una giornata si, dedicata alla fertilità, ma soprattutto alla denatalità.

Si legge sul sito del ministero: 

"La sua istituzione è prevista dal Piano Nazionale della Fertilità per mettere a fuoco con grande enfasi: il pericolo della denatalità nel nostro Paese, la bellezza della maternità e paternità,il rischio delle malattie che impediscono di diventare genitori, l’aiuto della medicina per le donne e per gli uomini che non riescono ad avere bambini".

Ciò che ha fatto indignare il web è stato il messaggio lanciato attraverso una serie di slogan, molto criticati sui social network.

LEGGI anche: 10 INTEGRATORI PER AUMENTARE LA FERTILITÀ

fertility day cover

Una manciata di cartoline con immagini e didascalie del tipo: 'La bellezza non ha età, la fertilità sì', 'Datti una mossa! Non aspettare la cicogna', 'La fertilità è un bene comune' e 'Genitori giovani. Il modo migliore per essere creativi', tanto per citarne alcuni.

E soprattutto questa ultima frase suona un po’ stonata considerando che, la stessa ministra Lorenzin, è diventata mamma di due gemelli a 43 anni (in maniera naturale sostiene lei).

Ma perché questi slogan non sono piaciuti?

Basta sbirciare l’hashtag #fertilityday su Twitter per capirne le motivazioni. Da un lato, ci sono coloro che sostengono che questa giornata violi il diritto e la libertà di scegliere se diventare genitori o meno, dall’altro chi crede sia una mancanza di rispetto nei confronti di chi un figlio lo desidera da tempo, ma non arriva mai. Nel mezzo ci sono poi tutte quelle persone che raccontano in 140 caratteri la loro esperienza.

Ad esempio, la signora Minù:

O ancora Francesca:

E Christòs:

Silvia:

E tanti altri come loro, tra cui scrittori e personaggi della politica (tranne qualche voce fuori dal coro che sostiene che non ci sia nulla di male nel promuovere la maternità).

Perché in Italia non si fanno figli? Tra le motivazioni ci sono sicuramente il problema della disoccupazione giovanile, la mancanza di meritocrazia, la penalizzazione di cui sono vittime molte donne, quando comunicano alla propria azienda di essere rimaste incinte.

fertility day 4

Ci sono poi, la mancanza di garanzie, di servizi e di flessibilità lavorativa, un elenco lunghissimo che allontana sempre più dalla possibilità di diventare genitore. Insomma tutto un universo che non può essere generalizzato con degli slogan che suonano tanto di presa in giro. 

Ci sono poi i più estremisti che paragonano la campagna a quella condotta dal regime fascista:

Non mancano,infine, le immagini e gli slogan rivisitati dal popolo social:

Dominella Trunfio

 

 

banner guida pulizie

Scrittori di classe

Come iscrivere la tua scuola a "salvare il Pianeta”, il concorso di Conad e WWF

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
settimana riduzione rifiuti 2018
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram