indice corruzione

Corruzione, un male che affligge il mondo e l'Italia in particolar modo. Il nostro paese è infatti tra i peggiori a livello globale e in assoluto il peggiore in Europa, insieme alla Grecia e alla Romania.

Nella ventesima edizione del CPI, l'Indice di Percezione della Corruzione (CPI) 2014, l'Italia si è classificata ancora al 69° posto nel mondo tra i 175 paesi, conservando la stessa posizione e lo stesso punteggio dell'anno precedente ma nel complesso risultando peggiore, visto che altri paesi sono riusciti meglio di noi a far fronte al problema. Sullo stesso gradino dell’Italia, con un voto di 43 su 100, troviamo di nuovo la Romania e altri due paesi europei in risalita rispetto allo scorso anno: Grecia e Bulgaria.

Scuole male attrezzate, medicine contraffatte e elezioni decise dal denaro sono solo alcune delle conseguenze della corruzione nel settore pubblico. Tangenti e accordi sottobanco non solo sottraggono risorse importanti ma minano la giustizia e lo sviluppo economico e distruggono la fiducia del pubblico nel governo e nella politica. Sono questi i temi presi in esame dall'indice.

Se ci spostiamo a livello globale, poco lodevoli i risultati di Francia (69), Cina (36) e Turchia (45) che perdono diverse posizioni rispetto all'anno scorso, mentre rimangono in cima alla classifica dei paesi più virtuosi Danimarca, Nuova Zelanda e Finlandia, seguite da Svezia, Norvegia, Svizzera, Singapore, Olanda e Lussemburg. È questa la top ten. Ma nonostante tutto è un quadro allarmante. Anche tra i migliori, nessun paese ha ottenuto il punteggio pieno.

Ribaltando la classifica, i paesi più corrotti a livello mondiale sono: Somalia, Corea del Nord, Sudan e Afghanistan.

Un mondo corrotto quello in cui viviamo. Più di due terzi dei 175 paesi del 2014 Corruption Perceptions Index hanno avuto un punteggio inferiore a 50, in una scala da 0 (percepiti come molto corrotto) a 100 (percepiti come molto “pulito”). I punteggi dei vari paesi sono aumentati o diminuiti di quattro punti o più. I maggiori cali sono stati in Turchia (-5), Angola, Cina, Malawi e Ruanda (tutti a -4). Migliora invece la situazione di Costa d'Avorio, Egitto, Saint Vincent e Grenadine (+5), Afghanistan, Giordania, Mali e Swaziland (+4).

E l'Italia? Di certo non brilla, anzi. L'Indice di Percezione della Corruzione 2014 ha confermato il nostro paese al 69esimo posto della classifica generale, fanalino di coda dei paesi del G7 e ultimo tra i membri dell’Unione Europea. Ecco la classifica riguardante i paesi dell'Ue:

corruzione2014 classificaUe

“Il CPI 2014 evidenzia come il nostro Paese non sia ancora riuscito a intraprendere la strada giusta per il suo riscatto etico. Non possiamo restare fermi a guardare ancora per molto, mentre invece altri Paesi fanno progressi: come cittadini possiamo e dobbiamo essere parte attiva nella lotta contro la corruzione,” così dichiara Virginio Carnevali, Presidente di Transparency International Italia.

I paesi in fondo alla classifica devono adottare misure radicali anti-corruzione a favore del loro popolo. I paesi in cima all'indice dovrebbero assicurarsi di non esportano le pratiche di corruzione nei paesi sottosviluppatiha detto José Ugaz, chair di Transparency International.

Un problema di cui i paesi del G20 si devono occupare al più presto, cercando di prevenire il riciclaggio di denaro e la corruzione.

Per la classifica completa, clicca qui

Francesca Mancuso

LEGGI anche:

Corruzione: un "coma etico", economico e sociale che ci costa 10 miliardi di euro ogni anno

Ecomafie 2013: ogni ora 4 reati contro l'ambiente

I CORSI CHE TI FANNO STARE BENE!

Più di 100 corsi online su Alimentazione, Benessere, Psicologia, Rimedi naturali e Animali a partire da 5€. Test, attestati e la possibilità di vederli e rivederli quante volte vuoi!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su instagram
seguici su facebook
fai la cosa giusta

Dai blog