Yalitza Aparicio, l’eroica attrice messicana che lotta per gli indigeni (e che potrebbe interpretare Pocahontas nel live action Disney)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Anche se il condizionale è ancora d’obbligo perché né da parte dell’attrice, né della Disney è arrivata la conferma ufficiale, a interpretare Pocahontas nel prossimo live action, potrebbe essere Yalitza Aparicio che da tempo, dà voce alle tribù indigene.

Inserita nel 2019 dal Time tra le 100 personalità più influenti al mondo, l’attrice Yalitza Aparicio, unica artista messicana candidata all’Oscar da anni si batte contro la discriminazione e l’odio nei confronti delle popolazioni indigene, sempre più sotto attacco per via delle ambite terre ancestrali.

Ambasciatrice Unesco per i popoli autoctoni, Yalitza Aparicio potrebbe essere una Pocahontas dei giorni nostri. Con l’eroina della Disney condivide, infatti, la determinazione, il coraggio e l’animo battagliero. Mentre il personaggio dei cartoni si batteva contro il colonialismo, l’attrice ribadisce il suo impegno contro l’odio razziale e in favore dei diritti delle donne.

Nata nel 1993 a Tlaxiaco, nello Stato di Oaxaca nel sud del Messico, l’abbiamo ammirata nel film Roma, quando interpretava il ruolo di una bambinaia indigena di lingua mixteca parlata dalla famiglia paterna.

Attrice per caso, con la sua grazia Yalitza Aparicio, in qualche modo, fa uscire allo scoperto le donne indigene, le allontana dalla loro invisibilità, incarna ideali di fierezza e brilla di luce propria. Nel passato della sua tribù ci sono storie di colonialismo e di sangue. La sua storia si intreccia con quella di Pocahontas che è davvero esistita.

View this post on Instagram

@dior @mariagraziachiuri #DiorTulum

A post shared by Yalitza Aparicio Martínez (@yalitzaapariciomtz) on

Figlia del capo tribù dei Powhatan, era stata rapita dai coloni e portata in Inghilterra come simbolo della civilizzazione dei nativi. Nata intorno al 1595, il suo vero nome era Matoaka cioè “Fiume lucente tra due montagne”, anche se risulta che a volte venisse chiamata Pocahontas (“spirito giocoso”) per il suo animo vivace. Nonostante sia morta giovanissima, la storia ci dice che era una donna coraggiosa e forte, che ha garantito pace al suo popolo per oltre 8 anni.

E anche Yalitza Aparicio a modo suo continua a lottare contro gli insulti razzisti e per difendere il suo popolo.

Fonte: Publimetro

Leggi anche:

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.
ABenergie

Come scegliere e valutare il tuo gestore di energia luce e gas. Scarica la guida

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook