La Biblioteca Digitale Mondiale dell’UNESCO: oltre 19mila documenti accessibili a tutti e gratuitamente

Mappe antiche e antiche fotografie, manufatti museali, pergamene e migliaia di altre cose belle. Un patrimonio immenso di conoscenza messo a disposizione gratuitamente: è la World Digital Library, la biblioteca digitale internazionale gestita dall’Unesco e dalla Biblioteca del Congresso degli Stati Uniti, che in questi giorni in cui abbiamo il dovere di rimanere a casa apre le porte virtuali a tutti.

Quasi 20mila contenuti di 193 Paesi differenti datati dall’8mila a.C. a oggi: per tutto il periodo di durata dell’emergenza coronavirus a livello globale, avremo la possibilità di consultare gratis sul sito della Biblioteca foto di altre epoche, libri mai visti e documenti originali provenienti da tutto il mondo.

Un altro modo ancora che abbiamo, assolutamente fruttuoso, di stare a casa e fare la nostra parte in questa difficile situazione di pandemia.

“Sappiamo che molti di voi sono a casa e che le pareti sembrano sempre più opprimenti.

Quindi… scoprite la Biblioteca Digitale Mondiale: si può avere accesso gratuito a migliaia di libri, documenti e foto provenienti da tutti i Paesi e culture”, twittava così stamattina l’Unesco.

Cos’è la World Digital Library e cosa si trova

L’UNESCO e 32 istituzioni partner lanciarono la Biblioteca digitale il 21 aprile del 2009: un sito web che contiene materiali culturali unici provenienti da biblioteche e archivi di tutto il mondo allo scopo di promuovere il libero flusso di tutte le forme di conoscenza, educazione, scienza, cultura e comunicazione.

Stampa di Piazza del Duomo a Milano che fa parte di “Vedute di architettura e altri siti in Italia” dal catalogo della Detroit Publishing Company (1905) – ©WDL

Si può cercare un contenuto selezionando un luogo, una data, un argomento, una lingua o una istituzione contribuente. Ad ogni contenuto si associa una descrizione (tra le lingue però non c’è l’italiano…) che ne illustra il contenuto e delinea il contesto storico.

manoscritto galileo

Manoscritto del 1632 che contiene un montaggio incompleto e autografico del Dialogo sopra i massimi sistemi Galileo Galilei – ©WDL

Infine, è possibile anche avere visualizzazione avanzata delle immagini, procedere su una timeline e percorrere mappe interattive e sezioni tematiche approfondite sugli argomenti che più vi piacciono.

Fonti: Unesco Twitter / WDL

Leggi anche:

Giornalista pubblicista, classe 1977, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing e correzione di bozze. Direttore di Wellme.it per tre anni, scrive per Greenme.it da dieci. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Izanz

Piretro: l’insetticida naturale contro le zanzare

Deceuninck

Finestre e serramenti in ThermoFibra: cos’è e quali sono i vantaggi della loro installazione

TuVali.it

150+ corsi online su Salute e Benessere, a partire da 5€ (in collaborazione con GreenMe)

Mediterranea

Come prendersi cura delle mani dopo lavaggi frequenti

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook