I Viaggiatori di Catalano: uomini e donne che fanno guardare oltre

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Ciò che le accomuna è da un lato un senso di incompletezza dall’altro una valigia, due cose che apparentemente potrebbero sembrare slegate tra loro ma, che in realtà, racchiudono un messaggio ben preciso: quando si parte si lascia sempre un po’ di sé nel luogo che si è visitato.

Non a caso le sculture di Bruno Catalano, artista francese con un passato da marinaio in Marocco, si chiamano proprio “Les Voyageurs”, ovvero i viaggiatori. Uomini e donne realizzati modellando l’argilla prima e la colatura di bronzo poi, che appaiono come corpi vuoti e senza organi vitali.

In circa venti giorni Catalano crea le sue sculture, i suoi cittadini del mondo, che vengono poi disseminati per le città europee in luoghi di transito come aeroporti, ferrovie, porti e piazze. Le sagome vanno a completare, quindi, il tessuto urbano, facendo vedere attraverso i loro corpi il paesaggio circostante.

I viaggiatori dell’artista nato in Francia nel 1960, sembrano creature eteree e affascinanti, hanno il passo stanco e la valigia pesante. I corpi però, nonostante siano vuoti, riescono a rimanere in piedi dimostrando che si riesce a vivere anche con delle parti mancanti della propria esistenza. Per strada si perde sempre un po’ di se stessi ma, tocca allo spettatore, interpretare se ciò rappresenti un arricchimento o una mancanza.

catalano01

catalano03

Lo sguardo triste e incerto sul futuro, la schiena ricurva, la mano che stringe forte la valigia come se rappresentasse l’unica certezza, trasformano questi viaggiatori in tanti emigranti che procedono a passo lento, che escono dal quotidiano per abbandonarsi definitivamente a una nuova vita. Ciò che in fondo, è successo all’artista che da marinaio ha sconvolto la sua esistenza abbracciando la scultura.

Nel mio lavoro, sono alla ricerca del movimento e dell’espressione dei sentimenti, faccio emergere dall’inerzia nuove forme e riesco a levigarle fino a dare loro nuova vita. Proveniente dal Marocco anche io ho viaggiato con valigie piene di ricordi che rappresento cosi spesso nei miei lavori. Non contengono solo immagini ma anche vissuto, i miei desideri: le mie origini in movimento, scrive Catalano sul suo sito.

La serie di sculture è stata scelta da Marsiglia nel 2013 per celebrare il proprio ruolo di città della cultura ed è stata collocata al porto, luogo per eccellenza di arrivi e partenze. Il risultato è quello che vedete in queste immagini.

Bruno Catalano Marseille

828 284343

Dominella Trunfio

Photo credit

LEGGI anche:

Le sculture in movimento che si attraversano a vicenda e ci mostrano una tragica storia d’amore (VIDEO)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.
Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook