@ IsraelAntiquitiesAuthority/Facebook

Gli archeologi hanno ritrovato un uovo di gallina vecchio di 1.000 anni (e ancora integro!)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Ritrovato un uovo di gallina, praticamente intatto, risalente a circa 1.000 anni fa. L’incredibile ritrovamento durante uno scavo archeologico a Yavne, distretto centrale d’Israele.

Durante gli scavi in un pozzo nero datato nel periodo islamico, nella città israeliana di Yavne, gli archeologi della Israel Antiquities Authority hanno fatto una scoperta incredibile – un uovo di gallina risalente a più di mille anni fa che si è conservato perfettamente tutto questo tempo.

Frammenti di guscio d’uovo sono stati già ritrovati in altre spedizioni archeologiche come questa, e risalenti anche a periodi più antichi, come ad esempio nella Città di Davide, in Cesarea e Apollonia – spiega il professor Lee Perry Gal, che ha guidato gli scavi. – Durante i nostri scavi, di solito troviamo uova di ostriche, protette dalle conchiglie che le ospitano. È incredibile pensare che qualcosa di tanto fragile come un guscio d’uovo, sia sopravvissuto per mille anni – oggigiorno le uova hanno vita breve anche nei moderni supermercati! La straordinaria conservazione di quest’uovo, evidentemente, è dovuta alle condizioni ambientali in cui si è trovato per tutti questi anni, nascosto in un pozzo e protetto dagli escrementi umani che lo hanno protetto.

uovo antico

@ IsraelAntiquitiesAuthority/Facebook

L’allevamento del pollame è stato introdotto in Israele circa 2.300 anni fa (durante il periodo ellenistico in Europa). Nel periodo islamico (VII secolo dopo Cristo) si assiste a un progressivo abbandono dell’allevamento dei suini nella regione, corrispondente al divieto religioso di mangiare carne di maiale, e quindi ad un aumento del consumo di altri animali.

C’era bisogno di un sostituto proteico alla carne di maiale che non necessitasse di particolari tecniche di conservazione – spiega ancora il professore – e per questo si intensificò il consumo di pollame e uova. Sfortunatamente, l’uovo ritrovato aveva una piccola crepa nel guscio che ha fatto disperdere tutto il suo contenuto. È rimasto solo un po’ del tuorlo, che è stato raccolto per future analisi del DNA.

Fonte: Facebook

Ti consigliamo anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Sono laureata in Lingue e Culture Straniere. Da sempre attenta alle problematiche ambientali e rivolta a uno stile di vita ecosostenibile, tento nel mio piccolo di ridurre al minimo l’impronta ambientale con scelte responsabili nel rispetto della natura che mi circonda.
Seguici su Instagram
Seguici su Facebook