Unesco invita un artista a esporre le sue sculture e lo costringe a censurare le parti intime con mutandoni e perizoma

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Durante le Giornate del Patrimonio 2019, l’artista visivo Stéphane Simon è stato invitato dall’Unesco a esporre alcune sue sculture ispirate al mondo greco nella sua sede di Parigi. Non era la prima volta che i lavori del grande artista venivano mostrati in luoghi pubblici, ma in questo caso è successo qualcosa di assurdo. Le sculture, due corpi nudi a grandezza naturale, sono state “censurate” per non offendere la sensibilità dei visitatori.  L’Unesco ha infatti chiesto a Stéphane di nascondere il sesso dei modelli in marmo utilizzando mutandoni e perizoma. 

Ovviamente la decisione ha scatenato infinite polemiche, come riporta l’editoriale pubblicato su Le Point il 14 ottobre dalla giornalista Sophie Coignard.

Le statue di Stéphane Simon fanno parte del progetto “In Memory of Me, dedicato all’universo dei selfie, rituale che ha inevitabilmente condizionato le nostre posture, e che rivela il nostro profondo bisogno di teatralità, miti e giochi.

Statue

Secondo Stéphane nel nostro bisogno di immortalarci si può riscontrare un legame con gli eroi dell’Antica Grecia perché di mezzo ci sono sempre l’eroismo, l’ammirazione, l’identificazione, la sacralità. Le posizioni che assumiamo mentre ci facciamo un selfie sono infatti identiche a quelle degli antichi eroi, a cui le statue dell’artista si ispirano, rivisitate in chiave contemporanea.

Insomma, un progetto interessante quello di Stéphane che nulla ha di scandaloso ed offensivo. Eppure, nell’epoca dei selfie dove tutto si può mostrare, paradossalmente i nudi eleganti e raffinati di Simon vengono censurati da qualche perizoma.

Statue unesco censurate

In realtà l’artista, proprio per la questione della nudità, aveva proposto all’Unesco di rimanere, nelle Giornate del Patrimonio, nelle vicinanze delle statue con un panno e se necessario, utilizzarlo per nasconderne il sesso.

Ma la proposta non venne accettata, l’Unesco voleva che coprisse totalmente le parti intime. Alle polemiche suscitate dalla decisione, l’Unesco ha riconosciuto l’errore, cercando di giustificare la scelta. Ma sui social le critiche continuano.

E la domanda sorge spontanea: dovremmo quindi censurare con indumenti intimi qualunque nudo artistico per non urtare la sensibilità? Cosa c’è di scandaloso e inappropriato in sculture di una tale bellezza? Davvero assurdo!

Ti potrebbe interessare anche:

Laura De Rosa

Photo Credit: artofuss

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze dei Beni Culturali, redattrice web dal 2008 e illustratrice dal 2018, ha pubblicato per Giochidimagia Editore "Il sogno attraverso il tempo". Con SpiceLapis ha realizzato "Memento Mori, guida illustrata ai cimiteri più bizzarri del mondo".
Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook