Tutto fa brodo: lo spettacolo teatrale sugli allevamenti intensivi finanziato dal basso (VIDEO)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Allevamenti intensivi. Quando il teatro cerca di raccontare una realtà che tutti conoscono e che tutti cercano di non vedere. 4 attori professionisti e indipendenti si sono uniti per raccontare la storia delle nostre pause pranzo, del sushi la sera con gli amici, del Natale coi tuoi e della Pasqua con chi vuoi. È una storia che è nata con l’uomo e che ora “ingrassa ai margini delle sue metropoli”.

È la storia dell’allevamento, termine che ormai da qualche decennio si fa accompagnare da un aggettivo, intensivo. Sì, hanno infatti deciso di creare uno spettacolo teatrale per affrontare l’argomento degli allevamenti intensivi in Italia e nel mondo. Non è uno spettacolo di propaganda vegetariana, ma piuttosto uno sguardo – con una messa in scena surreale – di quello che oggi consumiamo senza esserne a conoscenza (volontariamente o meno).

Per questo si rivolge a tutti, mangiatori di carne o meno, con lo scopo di sensibilizzare l’uomo nei confronti dell’animale, che oggi alleviamo, vendiamo e consumiamo come fosse un oggetto e non un essere vivente, provocando enormi danni ad entrambe le specie.

“Abbiamo iniziato a leggere, studiare, documentarci, fare domande ad esperti e a cercare le ragioni di ogni punto di vista sul tema. Chi per curiosità, chi per scelta di vita, chi per necessità di comprendere una realtà celata al nostro sguardo quotidiano, siamo stati tutti coinvolti in una ricerca che spalanca mille interrogativi e mette in crisi le nostre identità. Poche certezze, solo ipotesi, teorie, ideali, utopie, contraddizioni… insomma, “Tutto fa Brodo””, spiegano i 4 giovani.

Per poter realizzare lo spettacolo completo, però, c’è bisogno dell’aiuto di tutti. Per questo hanno lanciato una campagna di raccolta fondi in crowdfunding, per raggiungere entro un mese, o almeno si spera, la cifra di 6.000€, che permetterà di sostenere le spese tecniche dello spettacolo (esclusi gli attori che non riceveranno alcun compenso).

Per visitare la pagina del crowdfunding clicca qui

Subito all’inizio della Genesi è scritto che Dio creò l’uomo per affidargli il dominio sugli uccelli, i pesci e gli animali.

Naturalmente la Genesi è stata redatta da un uomo, non da un cavallo.

(Milan Kundera)

Roberta Ragni

LEGGI anche:

In gondola con la sedia a rotelle: crowdfunding contro le barriere architettoniche

Come il crowdfunding ha salvato la vita di un cane paraplegico: la bella storia di Leo

MacaKit: il kit in crowdfunding per salvare le farfalle e la biodiversita’

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook