La transumanza è ufficialmente Patrimonio Culturale dell’Umanità Unesco: è record per l’Italia

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La transumanza è la migrazione stagionale di greggi e pastori che si spostano per raggiungere condizioni climatiche migliori. Una pratica pastorale molto antica, sviluppata anche in Italia tramite i cosiddetti “tratturi“, candidata tempo fa a diventare Patrimonio culturale immateriale dell’Umanità Unesco. Ora il riconoscimento è finalmente arrivato, grazie alla decisione presa dal Comitato intergovernativo riunito a Bogotà in Colombia.

E l’Italia, che da oggi ha anche acquisito il primato di iscrizioni in ambito rurale e agroalimentare superando Turchia e Belgio, è in prima fila, come ha sottolineato il Ministro Sergio Costa su Twitter:

“La #transumanza patrimonio culturale @UNESCO. Il mondo consegna alle zone come i #tratturi, luoghi di grande biodiversità, un prezioso riconoscimento. Un successo dove l’#Italia è stata in prima fila con il prof. @plpetrillo autore del dossier.”

Costa ha descritto questa pratica antica come un esempio straordinario di approccio sostenibile:

“Come ha evidenziato l’Unesco nella sua motivazione la pratica della transumanza, rispettosa del benessere animale e dei ritmi delle stagioni, è un esempio straordinario di approccio sostenibile per affrontare le sfide poste dalla rapida urbanizzazione e dalla globalizzazione e ha contribuito in modo significativo a modellare il paesaggio naturalistico.”

E Dario Franceschini, Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo, si è a sua volta complimentato per l’importante riconoscimento:

“Orgogliosi dell’iscrizione della #transumanza nella lista @UNESCO del patrimonio immateriale dell’Umanità. Una cultura le cui origini si perdono nel tempo e da cui viene un messaggio di integrazione, non solo tra paesaggi, ma anche tra civiltà”.

Riconoscimento che riguarda tutto il Bel Paese, dal Trentino ad Amatrice, dall’Irpinia alla Puglia. Tra i luoghi simbolici della transumanza sono stati indicati i comuni di Amatrice, Frosolone, Pescocostanzo e Anversa degli Abruzzi, ma anche Lacedonia in Alta Irpinia in Campania e diversi territori del Trentino, della Lombardia e di altre regioni.

Secondo il dossier di candidatura che è stato presentato dall’Italia all’Unesco, insieme a Grecia e Austria, i pastori transumanti conoscono alla perfezione l’ambiente, l’equilibrio ecologico tra uomo e natura e i cambiamenti climatici, non a caso questa pratica viene considerata uno dei metodi di allevamento più sostenibili di sempre.

Si tratta del decimo riconoscimento per l’Italia in questa lista, che ci porta al primato mondiale in ambito agro-alimentare, come sottolineato dal curatore del dossier di candidatura Pier Luigi Petrillo:

“E’ il decimo riconoscimento per l’Italia in questa lista e ci porta il primato mondiale dei riconoscimenti in ambito agro-alimentare, dopo l’iscrizione nel Patrimonio Culturale Immateriale della Dieta Mediterranea, la Pratica della coltivazione della vite ad alberello di Pantelleria, l’Arte del Pizzaiuolo napoletano, della tecnica dei muretti a secco e dei paesaggi vitivinicoli delle Langhe e del Prosecco.”

Davvero una grande soddisfazione!

Ti potrebbe interessare anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze dei Beni Culturali, redattrice web dal 2008 e illustratrice dal 2018, ha pubblicato per Giochidimagia Editore "Il sogno attraverso il tempo". Con SpiceLapis ha realizzato "Memento Mori, guida illustrata ai cimiteri più bizzarri del mondo".
Speciale Fukushima 10 anni

11 marzo 2011. 10 anni fa il terribile disastro di Fukushima, una lezione che non deve essere dimenticata

Foodspring

Colazione proteica vegan per chi la mattina ha il tempo contato

eBay

Pulizie di primavera: fai ordine in casa e nell’armadio vendendo online quello che non usi

NaturaleBio

ebay

Seguici su Instagram
seguici su Facebook