Topi che litigano in metro: la bizzarra foto che il pubblico ha voluto come vincitrice del Wildlife Photographer of the Year 55

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Due topi che litigano in metropolitana, un corpo a corpo per ottenere una briciola. L’immagine sta facendo il giro del mondo ed è la vincitrice del concorso fotografico indetto del Museo di storia naturale  di Londra. È Sam Rowley il vincitore del LUMIX People’s Choice Award di quest’anno, il premio assegnato dal pubblico e selezionata tra oltre 48.000 immagini inviate al prestigioso Wildlife Photographer of the Year . Premiata come la migliore tra i 25 finalisti, la foto di Rowley si chiama “Station Squabble”.

Il mondo naturale ritratto in un contesto decisamente urbano. Non si tratta di un attimo fortunato, colto dall’autore. Rowley si è appostato per cinque lunghe notti, disteso sulla banchina della metropolitana di Londra, nella speranza di catturare il momento perfetto. E i suoi sforzi sono stati premiati da questa originale scenetta in cui due topi vengono alle mani, o per meglio dire alle zampe, per una briciola. Un istante dopo il vincitore del cibo fugge via con l’ambito bottino.

“Sono così felice di vincere questo premio. È il sogno di una vita riuscire in questa competizione in questo modo, con una foto così riconoscibile scattata in un ambiente così quotidiano nella mia città natale” sono le parole del fotografo dopo l’annuncio della vittoria.

L’immagine di Sam Rowley dei topi che combattono per il cibo potrebbe inizialmente sembrare banale, ma la vita per questi piccoli animali è brutale. Molti non hanno mai visto la luce del giorno o sentito l’erba sotto le zampe. Nei tunnel della metro gli animali lottano per la sopravvivenza e imparano a convivere con l’uomo.

Anche se alcuni di noi potrebbero storcere il naso alla vista dei topi nel metrò, Sam ha scoperto che alcuni viaggiatori non vi badavano, anzi. Racconta:

“Mi ha davvero sorpreso. Molti hanno confessato di divertirsi guardandoli correre sulla piattaforma altrimenti noiosa della stazione”.

“L’immagine di Sam offre uno sguardo affascinante su come la fauna selvatica funzioni in un ambiente dominato dall’uomo. Il comportamento dei topi è modellato dalla nostra routine quotidiana, dal trasporto che utilizziamo e dal cibo che scartiamo” ha detto Sir Michael Dixon, direttore del Museo di storia naturale.

Altre 4 immagini sono state molto apprezzate e premiate dal concorso. Si tratta di:

Losing the Fight di Aaron Gekoski

Losing the Fight

©Aaron Gekoski

Matching Outfits di Michel Zoghzoghi

Matching Outfits

©Michel Zoghzoghi

The Surrogate Mother di Martin Buzora

The Surrogate Mother

©Martin Buzora

Spot the Reindeer di Francis De Andrés

Spot the Reindeer

©Francis De Andres

È possibile visitare a mostra Wildlife Photographer of the Year al Museum di South Kensington fino al 31 maggio 2020.

Fonti di riferimento: Museo di storia naturale, Facebook/ Wildlife Photographer of the Year

LEGGI anche:

Wildlife Photographer Of The Year: le foto di animali selvatici più belle del 2019
Comedy Wildlife Photography Awards 2019: ecco la foto che ha vinto

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Fairtrade

Le settimane Fairtrade del commercio equo e solidale: compra etico e scopri online l’impatto dei tuoi acquisti

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook