Aperta al pubblico l’antica tomba egizia di Mehu, vissuto 4mila anni fa

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Un’antica tomba egizia di 4000 anni aperta al pubblico. Da sabato è possibile ammirare questo luogo davvero suggestivo, nella necropoli di Saqqara, vicino a Giza.

Scoperta nel 1940 dall’egittologo Zaki Saad, la tomba appartiene a un antico alto funzionario egiziano di nome Mehu, imparentato con il primo re della sesta dinastia. Si trova al di fuori delle rovine di Menfi, l’antica capitale dell’antico Egitto.

Al suo interno, la tomba è formata da due camere. Mehu visse durante il regno di re Pepi, nel 2200 a.C. e deteneva 48 titoli, trovati incisi sulle pareti della tomba insieme a scene di caccia e di danza acrobatica accompagnati da disegni che raffiguravano momenti di vita quotidiana nell’antico Egitto, tra cui la lavorazione dei metalli, la raccolta, la costruzione di barche, la pesca con reti e la preparazione del cibo.

Si tratta in realtà di una tomba di famiglia in cui hanno trovato posto anche i discendenti di Mehu, il figlio Meren Ra e il nipote Heteb Kha.

“È una bellissima tomba, scoperta nel 1940. Ci assicuriamo di presentare costantemente contenuti culturali per i turisti. Questo è il motivo per cui apriamo le tombe ai visitatori e negli ultimi due o tre anni abbiamo aperto un grande numero di musei come quello di Sohag dopo 30 anni di lavori. Oggi abbiamo aperto questa tomba precedentemente scoperta per invitare gli ambasciatori e mostrare ai media che l’Egitto è al sicuro”, ha detto il ministro egiziano delle antichità, Khaled El Anany.

Le autorità egiziane sperano che queste scoperte e le aperture di nuove tombe e musei possano risvegliare l’interesse dei viaggiatori per il paese.

A seguito della sollevazione politica del 2011, infatti, l’affluenza turistica è diminuita e i visitatori che una volta affollavano gli iconici templi e le piramidi faraoniche sono drasticamente in calo.

LEGGI anche:

Francesca Mancuso

Foto

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook