Dopo la censura, torna al cinema il film che denuncia gli orrori degli allevamenti intensivi

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

The Milk System, il documentario diretto da Andreas Pichler che denuncia i meccanismi e le ripercussioni della produzione intensiva di latte nel mondo, arriva al cinema. Nel 2018 le proiezioni erano state sospese dopo un esposto di Coldiretti e Assolatte che lamentavano danni alle imprese italiane.

Dopo una censura preventiva, The Milk System promette di svelarci verità sorprendenti sul sistema del latte, come ad esempio, chi ci guadagna e a spese di chi e soprattutto se in futuro esisteranno alternative alla sua produzione.

Il documentario, prodotto da Eikon Film e Miramonte Film, ha già ricevuto il riconoscimento di Legambiente all’ultima edizione del festival Cinemambiente, ma anche menzioni speciali e premi italiani e internazionali.

Nella pellicola viene raccontata la filiera della produzione del latte, con vari interrogativi: il latte è veramente così salutare? In The Milk System parlano contadini, politici, Ong, lobbisti e scienziati. La domanda rimane sempre la stessa, i fattori di sostenibilità e il rispetto dei metodi di produzione tradizionali contano ancora? O si pensa solo e soltanto al profitto?

Domande che ci facciamo anche noi da tempo, denunciando tutto ciò che succede all’interno degli allevamenti intensivi: animali rinchiusi in minuscole gabbie e schiavizzate alla produzione.

Sarò forse per questo che lo scorso anno l’uscita del documentario in Italia era stata bloccata da Coldiretti e Assolatte? In un esposto ad AGCOM (Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni) e AGCI (Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato), le due categorie parlavano di diffamazione e danno economico all’intero settore lattiero italiano.

“Il film tende a produrre effetti denigratori anche in ragione della comparsa di testimonianze non obiettive inserite in maniera insidiosa all’interno della trama narrativa”, scrivevano Coldiretti e Assolatte.

the milk system1

E ancora:

“Il modello descritto non consente di distinguere le diverse modalità produttive allestite nel nostro Paese, evidenziando una comparazione palesemente erronea e confusionaria”.

All’esposto aveva risposto il regista e produttore Andreas Pichler:

“Si tratta di un iniziativa chiaramente intimidatoria un pesante e completamente infondato attacco alla libertà di stampa e al diritto di espressione del pensiero in questo paese”.

L’episodio tutto italiano (visto che il documentario era stato proiettato senza problemi in altri Paesi) è ormai superato e il film può essere visto al cinema solo prenotando i biglietti online su movieday.it al seguente link.

Leggi anche:

Dominella Trunfio

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.
Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook