Roma si riempie di murales per Gigi Proietti: la mappa della street art da ammirare

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Gigi Proietti invade ancora le strade di Roma. Un nuovo murale è apparso nel quartiere del Tufello. Un’opera imponente alta 15 metri, l’ennesimo omaggio all’artista poliedrico scomparso il 2 novembre scorso. Tantissime le opere apparse in questi giorni a Roma.

La Capitale è un museo a cielo aperto e in questo momento si sta tingendo ancora di più di colore, grazie alle numerose creazioni che il mondo della street art sta offrendo a Proietti a pochi giorni dalla sua morte.

Ogni giorno appare un nuovo murale che raffigura il volto dell’attore romano ma anche scene tratte dai suoi film. Dal Tifello al Centro Storico, fino al Teatro Brancaccio, ecco tutte le opere dedicate a Proietti.

I murales del Tufello

Qui il creative designer Harry Greb aveva già realizzato un’opera di street art riproducendo una scenda di “A me gli occhi please” in via Capraia. Qui l’attore romano è raffigurato insieme a passeri e usignoli che, come ha spiegato a RomaToday Harry Greb “fanno da colonna sonora a questi cortili dove lui ha vissuto per tanti anni e dove la gente ancora se lo ricorda”.

A adesso anche Lucamaleonte ha riprodotto Proietti, con uno sguardo ammiccante e il suo sorriso inconfondibile. Un’imponente creazione alta 15 metri sulla facciata di un palazzo Ater, in via Tonale. Un ritratto di 11 metri per 15, realizzato da Regione ed Ater, con la collaborazione dell’As Roma. Una manifestazione d’affetto, una dedica d’amore ad un attore che, prima di tutto è stato amato dalla parte più genuina, più verace, più popolare di Roma.

Siamo ancora al Tufello, il quartiere in cui Proietti ha vissuto. Qui a Piazza degli Euganei un artista anonimo ha reso omaggio all’attore con un ritratto di “Mandrake” accompagnata da una dedica giallorossa:

“Ricordare è un mestiere rischioso, perché ha bisogno di stimoli forti”

Il murale in viale Jonio a Montesacro

Anche Montesacro ha voluto celebrare Proietti con un suo ritratto in Viale Jonio, realizzata da Anna Maria Tierno, in collaborazione con l’associazione “Arte e città a colori”. Un omaggio a colori “Ar Cavaliere Nero”.

cavaliere nero

Il murale al Trullo

Un grande ritratto del mattatore romano è apparso, dopo la sua scomparsa, anche su un muro del Trullo. Il volto di Proietti, una delle sue pose più frequenti e quella frase: “Te saluta coso” che regala a chiunque passi un sorriso. A realizzarlo PaT (Pittori anomini Trullo) e Uman art, ossia Mario D’Amico e Manuela Merlo.

Il ritratto sulla serranda del Teatro Brancaccio

Un grande ritratto di Gigi Proietti è apparso anche sulla serranda del Teatro Brancaccio, di cui l’attore romano è stato direttore artistico dal 2001 al 2007. A realizzarlo Maupal.

Fonti di riferimento: RomaToday, Facebook

LEGGI anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

Cristalfarma

Come gestire nel proprio piccolo disturbi d’ansia e stress di uno dei momenti storici più difficili

Schär

Celiachia o sensibilità al glutine? Come ottenere una corretta diagnosi

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

TryThis

L’app che ti fa divertire sfidando i tuoi amici anche durante il lockdown

NaturaleBio

Cacao biologico naturale, in granella o in polvere: benefici e ricette per portarlo in tavola con gusto

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook