Storie della buonanotte per bambine ribelli censurato in Turchia. Influenzerebbe negativamente i giovani

bambine-ribelle-censura-turchia

Storie della buonanotte per bambine ribelli” è un libro che racconta la vita di donne speciali, spesso fuori dagli schemi e che hanno dovuto lavorare tanto o addirittura lottare per arrivare dove sono arrivate. Tutto questo non è piaciuto alla Turchia che ha vietato il libro al pari di un porno in quanto potrebbe influenzare negativamente i giovani.

Un libro messo al bando, almeno per i minori, e in un paese non tanto lontano da noi, appunto la Turchia. “Storie della buonanotte per bambine ribelli”, bestseller mondiale, in questo stato è messo al bando per i minori come se fosse un porno. Non potrà quindi essere venduto a giovani o giovanissimi e neppure esposto sugli scaffali delle librerie o in vetrina.

Ma cosa avrebbe di tanto pericoloso per le nuove generazioni turche? Dal nostro punto di vista assolutamente nulla. Il libro, scritto da due autrici italiane, Elena Favilli e Francesca Cavallo, racconta ‘100 vite di donne straordinarie‘ come Frida Kalho, Margherita Hack, Rita Levi Montalcini, Malala Yousafzai e Coco Chanel (tanto per citarne alcune) ma secondo l’ente governativo turco per la protezione dei minori dalle pubblicazioni oscene:

“alcuni degli capitoli contenuti nel libro possono avere un’influenza dannosa sulle menti dei minori di 18 anni”

Francesca Cavallo, saputa la notizia ha dichiarato:

“Il problema è che la questione dell’uguaglianza di genere viene vissuta come una minaccia dai Paesi che vorrebbero le donne confinate a casa. Il nostro testo invita le bambine a prendere in mano la propria vita senza paura. È questo il problema”

Gli editori turchi la pensano allo stesso modo e hanno dichiarato per voce della loro associazione che questa decisione:

“rappresenta un pericolo per la libertà di espressione e di stampa, oltre che una minaccia ai principi della società democratica”

Non è la prima volta, in realtà, che questo libro viene censurato. In Russia, ad esempio, le storie per le bambine ribelli sono uscite  ma epurate della parte dedicata a Coy Mathis, bambina transgender.

Ma cosa ci potrà essere di così tanto scandaloso e “pericoloso” in un libro che parla dei successi di un gruppo di donne straordinarie provenienti da ogni parte del mondo?

Leggi anche:

Francesca Biagioli

Coop

Dopo uva, meloni e ciliegie, anche le clementine dicono addio al glifosato

Ecotyre

Da Gomma a Gomma: lo pneumatico verde tutto italiano realizzato con materiali riciclati

Schar

12 ricette senza glutine dall’antipasto al dolce

tuvali
seguici su Facebook