Questo artista ha trasportato un carrellino pieno di smartphone per creare falsi ingorghi di traffico su Google Maps

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Ha portato in giro 99 telefonini in un carrellino rosso e così ha ingannato Google Maps. A piedi per le strade di Berlino, un artista ha fatto credere a Big G che strade in realtà libere erano congestionate dal traffico. Lo scopo? Far capire alle persone su quanti dati effimeri facciamo affidamento ogni giorno.

È l’esperimento, o meglio una vera e propria installazione di “hack-art”, di Simon Weckert, un artista tedesco che ha portato quasi cento smartphone a spasso per le vie della capitale tedesca per provare a ingannare gli algoritmi di Google.

Wreckert ha noleggiato 99 smartphone, tutti dispositivi Android, e ha acquistato 99 carte Sim. Ha poi inserito i cellulari – con Google Maps avviato – in un carrettino rosso, che ha poi trascinato a piedi lungo alcune strade di Berlino.

google maps

L’alta concentrazione di telefoni e la lentezza del loro movimento hanno fatto credere alle Mappe di Google che quelle strade fossero intasate. L’applicazione, infatti, determina le condizioni del traffico in base all’andamento degli utenti che stanno usando le mappe e ha dato per scontato che i dispositivi fossero posizionati su altrettante automobili, muovendosi a passo d’uomo.

La mappa non è il territorio… ma un’altra versione della realtà – ha detto Weckert. I dati vengono sempre tradotti in ciò che potrebbero essere presentati. Le immagini, gli elenchi, i grafici e le mappe che rappresentano tali dati sono tutte interpretazioni e non esistono dati effettivi”.

L’artista ha immortalato l’esperimento in un video in cui mostra la sua passeggiata con il carretto lungo strade desertiche, mentre in tempo reale Google Maps indica quelle strade come congestionate e consiglia agli utenti di usare percorsi alternativi.

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per Greenme.it dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook