© Sebastião Salgado/Taschen

Sulle orme degli indigeni dell’Amazzonia: le meravigliose foto di Salgado racchiuse in un libro

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Per sei anni Sebastião Salgado ha viaggiato nell’Amazzonia brasiliana e fotografato l’ineguagliabile bellezza di questa straordinaria regione: la foresta pluviale, i fiumi, le montagne, le persone che ci vivono, questo tesoro insostituibile dell’umanità in cui l’immenso potere della natura si sente come in nessun altro luogo della terra.

Più di 500 pagine tra foto – rigorosamente in bianco e nero – e testi sorprendenti che offrono uno sguardo penetrante su un mondo straordinario, che sopravvive sotto una immensa minaccia: è Amazônia, l’ultima collezione fotografica del famoso fotoreporter brasiliano Sebastião Salgado.

L’anno scorso Salgado lanciò un appello per proteggere e salvare gli indios dell’Amazzonia che stavano rischiando grosso a causa del coronavirus, ora, con questo libro, si sforza ancora una volta di trasmettere il potere della regione amazzonica e di creare un cambiamento nei suoi lettori che li spinga ad agire prima che sia troppo tardi.

Per questo motivo e per comprendere a fondo quanto fosse importante l’Amazzonia, Salgado e la sua compagna, Léila Wanick Salgado, hanno trascorso sei anni viaggiando attraverso la foresta pluviale brasiliana, visitando dozzine di popoli come gli Yanomami, gli Asháninka, gli Yawanawá, i Suruwahá, gli Zo’é, i Kuikuro, i Waurá, i Kamayurá, i Korubo, i Marubo, gli Awá e i Macuxi e documentando i loro intensi legami familiari, la caccia e la pesca, la preparazione e la condivisione dei pasti, il loro meraviglioso talento nel dipingere volti e corpi, l’importanza dei loro sciamani, le loro danze e i loro rituali. 

Soprattutto, Salgado si è sforzato di mostrare come, mentre mettiamo a repentaglio il futuro della foresta pluviale, mettiamo in pericolo anche le persone che ci vivono: “un tesoro insostituibile dell’umanità“.

Per me, è l’ultima frontiera, un misterioso universo a sé stante, dove l’immenso potere della natura può essere sentito come in nessun altro posto sulla terra – ha scritto nella prefazione del libro. Ecco una foresta che si estende all’infinito che contiene un decimo di tutte le specie animali e vegetali viventi, il più grande laboratorio naturale del mondo.

Uno sguardo necessario, quindi, quello di Salgado sulla foresta amazzonica, dove le ricche risorse naturali sono una fonte sconosciuta e non sfruttata di alimenti, medicine, cure e conoscenze scientifiche e culturali. Tutto questo andrà perduto se la foresta viene distrutta.

Salgado insegna anche ai suoi lettori l’impareggiabile capacità dell’Amazzonia di prendere acqua dolce per la regione. È l’unico posto sulla terra dove l’umidità nell’aria non dipende dall’evaporazione dall’acqua di mare, dice la prefazione. Questo vapore acqueo, che risulta dalle centinaia di miliardi di alberi nella foresta pluviale, ha un forte impatto sull’approvvigionamento idrico regionale e sul clima globale. Poiché la foresta pluviale si prosciuga a causa della crisi climatica, influenzerà l’approvvigionamento idrico e la biodiversità della regione e delle persone che vi abitano.

Per mostrare questa funzione ecosistemica critica e in via di estinzione, Salgado ha girato una serie sulle piogge dell’Amazônia, i “fiumi aerei” che portano acqua e vita alla regione.

Infine, l’Amazzonia è stata definita i polmoni del pianeta. Sfortunatamente, a causa dell’intensa deforestazione, dell’estrazione dell’oro e degli incendi, la foresta pluviale ha già perso la sua capacità di fungere da pozzo di carbonio. Invece, sta diventando una “enorme bomba di carbonio“, ha avvertito Salgado, una pericolosa fonte di carbonio su un pianeta sempre più pieno di carbonio.

Con il 20% della biomassa dell’Amazzonia già persa, qualsiasi ulteriore interruzione del suo equilibrio ecologico avrà ripercussioni drastiche ben oltre le frontiere dell’America Latina, ha scritto Salgado nella prefazione. Uno studio non correlato ha previsto il crollo dell’Amazzonia entro il 2064.

In Amazônia, Salgado usa dunque questo imminente disastro ecologico come sfondo per la sua storia sulla gente della foresta pluviale. Il fotografo arrivò per la prima volta su questa terra negli anni ’80. Anche allora, si era chiesto come sarebbe stato incontrare persone di una civiltà molto isolata, come sarebbe stato essere in contatto con loro e camminare con i guardiani della foresta pluviale.

E allora, come adesso, la rivelazione è una e una soltanto:

Se non acquistiamo prodotti che provengono dalla distruzione della foresta pluviale, non c’è più distruzione – ha detto a EcoWatch. Se chiediamo alle nostre aziende di non investire nella distruzione, se facciamo attenzione insieme a non guidare la distruzione degli alberi con le nostre azioni, possiamo proteggere l’Amazônia. Dobbiamo andare in quella direzione per la sopravvivenza degli esseri umani.

Amazônia è disponibile su Taschen.

Fonte: Taschen

Leggi anche:

Questo famoso fotografo e sua moglie hanno piantato 2 milioni di alberi per salvare la foresta pluviale scomparsa

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per greenMe dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Seguici su Instagram
Seguici su Facebook