@backyardproduction/123rf

In UK verrà insegnato il latino nelle scuole pubbliche per aiutare gli studenti ad apprendere meglio le lingue straniere

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Nel Regno Unito il latino è ancora considerato una materia d’élite, ma grazie ad un nuovo programma lanciato dal governo britannico migliaia di studenti iscritti alle scuole superiori statali potranno apprendere questa lingua, migliorando le loro performance nelle altre materie

Attenzione a definire il latino “una lingua morta”, è molto più viva e utile di quanto immaginato! E alcuni Paesi hanno deciso di investire nell’insegnamento di questa lingua. Tra questi il Regno Unito, che ha da poco annunciato il Latin Excellency Program (LEP), un programma da 4 milioni di sterline per introdurre il latino nelle scuole superiori statali. A comunicare la decisione il Segretario all’Istruzione Gavin Williamson. 

Sappiamo che il latino è considerata una materia elitaria riservata solo a pochi privilegiati. Ma può portare tanti benefici ai giovani, quindi voglio porre fine a quel divario” – spiega Williamson – Non ci dovrebbero essere differenze in ciò che gli alunni imparano nelle scuole statali e nelle scuole indipendenti, motivo per cui ci concentriamo incessantemente sull’innalzamento degli standard scolastici e garantiremo un curriculum più ampio e ambizioso a tutti gli alunni. 

Secondo un sondaggio del British Council, il latino viene insegnato soltanto nel nel 2,7% delle scuole statali rispetto al 49% delle scuole private. Ma grazie al nuovo piano, il latino diventerà una materia più accessibile a tutti. Come annunciato dal governo britannico, a breve sarà nominato un gruppo di esperti che insegnerà questa lingua ad alti livelli in 40 scuole dell’Inghilterra. Così, anche i ragazzi delle aree più svantaggiate del Regno Unito avranno l’opportunità di apprendere il latino. 

Il programma intende ad andare oltre l’insegnamento passivo della materia. Per far appassionare di più i giovani alla cultura latina, sono previste visite a diversi siti romani per immergersi nel mondo antico. 

Una lingua che arricchisce e apre la mente 

Ma perché tutta questa importanza attribuita al latino in un Paese anglofono? Secondo il Segretario all’Istruzione Gavin Williamson, il latino può aiutare gli studenti nell’apprendimento delle lingue straniere moderne e agevolarli nelle altre materie, tra cui la matematica. E non è l’unico a pensarla così. La novità è stata accolta con grande entusiasmo da esperti di lingue straniere e professori. 

Sono molto felice che il Dipartimento per l’Istruzione sosterrà il latino nelle scuole e aiuterà più studenti a conoscere il mondo antico – ha commentato presso l’Università di Cambridge – Il latino è una materia straordinariamente arricchente. Ti dà accesso diretto ad alcune delle letterature più ispiratrici del mondo occidentale (dalla grande epica Eneide di Virgilio alla critica dello storico Tacito alla corruzione del potere e alla controcultura sovversiva del poeta Ovidio). Studiare i classici ci apre la storia dai primi drammi, che 2000 anni dopo fanno ancora parte del repertorio teatrale, a qualche filosofia fondamentale, dalla democrazia all’Impero, dai potenti governanti agli schiavi. Ma non si tratta solo del passato. Studiare il mondo antico ci aiuta a guardare a noi stessi e ai nostri problemi, in modo nuovo e con occhi più limpidi.

Seguici su Telegram Instagram Facebook TikTok Youtube

Fonte: Gov.Uk

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Media, comunicazione digitale e giornalismo all'Università La Sapienza, ha collaborato con Le guide di Repubblica e con alcune testate siciliane. Per la rivista Sicilia e Donna si è occupata principalmente di cultura e interviste. Appassionata da sempre al mondo del benessere e del bio, dal 2020 scrive per GreenMe
Seguici su Instagram
Seguici su Facebook