Scoperta scultura di 3.500 anni che potrebbe riscrivere la storia dell’arte

scultura Agata

Una scultura appena scoperta potrebbe cambiare le nostre conoscenze sulla storia dell’arte. A scoprirla un team di archeologi dell’Università di Cincinnati che durante una ricerca durata due anni ha portato alla luce la tomba di un guerriero dell’età del bronzo risalente a 3.500 anni fa nella Grecia sud-occidentale. Un vero e proprio tesoro nascosto.

Al suo interno è presente anche una gemma finemente intagliata che secondo i ricercatori americani sarebbe una delle opere più raffinate dell’arte greca preistorica finora scoperta.

Gli oggetti appartenevano a un ricco uomo miceneo noto come Guerriero del Grifone. All’interno della tomba gli archeologi hanno scoperto un tesoro inestimabile, che comprendeva preziosi gioielli, armature e armi e piccole sculture realizzate in materiali preziosi. Una delle scoperte più sorprendenti, tuttavia, è una pietra d’agata.

Apparentemente insignificante, all’inizio era ricoperta di calcare e ci è voluto un anno di accurato restauro per rivelare la sua vera forma. Quello che gli scienziati hanno trovato sotto il calcare potrebbe far riscrivere la storia dell’arte.

Non appena i dettagli intricati della pietra sono diventati visibili, i ricercatori sono rimasti sorpresi: avevano portato alla luce un capolavoro. La pietra di agata era un sigillo, usato per stampare un’immagine su argilla o cera. Chiamato “Pylos Combat Agate”, raffigura una feroce battaglia corpo a corpo tra i guerrieri, con un terzo già disteso a terra. La scena è stata meticolosamente incisa su un pezzo di pietra dura di 3,6 centimetri, e alcuni dettagli sono solo di mezzo millimetro.

scultura greca

A causa delle dimensioni ridotte e delle venature sulla pietra, molti dei dettagli in miniatura sono chiaramente visibili solo tramite la fotomicroscopia.

Quando sono emersi i dettagli intricati del design del sigillo, i ricercatori sono rimasti scioccati nello scoprire che avevano portato alla luce un capolavoro.

agata scultura2
agata scultura3

“Vedere l’immagine per la prima volta è stata un’esperienza emozionante, e lo è ancora”, ha detto Shari Stocker, ricercatore senior dell’Università di Cincinnati.

Secondo i ricercatori, l’abilità artigianale e i dettagli squisiti di Pylos Combat Agate ne fanno la migliore opera scoperta dell’arte glittica prodotta nell’età del bronzo nell’Egeo.

“Ciò che è affascinante è che la rappresentazione del corpo umano è ad un livello di dettaglio e muscolatura che non si ritroverà fino al periodo classico dell’arte greca 1000 anni dopo”, ha spiegano. “È una scoperta spettacolare”.

“Sembra che i Minoici producessero arte del genere e nessuno avrebbe mai immaginato che fossero in grado di farlo” ha spiegato l’altro autore, Davis. “Ciò mostra che la loro capacità e l’interesse per l’arte rappresentazionale, in particolare il movimento e l’anatomia umana, è al di là di quello che si pensava”.

LEGGI anche:

Secondo i ricercatori, questo sigillo dovrebbe essere incluso in tutti i nuovi testi di storia dell’arte e cambierà il modo in cui viene vista l’arte preistorica.

Francesca Mancuso

Germinal Bio

#Bionest la nuova campagna Germinal Bio che mostra il dietro le quinte del biologico

Decathlon

La bici usata? Portala da Decathlon: torna Trocathlon dove puoi acquistare e vendere l’attrezzatura sportiva

San Benedetto

Cosa vuol dire compensare la CO₂: la linea Ecogreen di San Benedetto

Triumph

Come riciclare i reggiseni e gli abiti usati

tuvali
seguici su Facebook