©Warsaw Mummy Project/Facebook

Mummia egizia di donna incinta scoperta per la prima volta nella storia (e per caso)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Un piedino nel grembo: così gli archeologi del Warsaw Mummy Project scoprono la prima mummia di donna incinta della storia. Di 26-28 settimane, la donna era avvolta in tessuti di pregio, quindi era sicuramente di una classe sociale molto elevata.

All’inizio la mummia era stata identificata come quella di un sacerdote uomo di nome Hor-Djehuty,  ma successive indagini più approfondite, condotte tramite tomografo e raggi X, hanno dimostrato fosse invece una donna. Ma c’era di più: i ricercatori hanno notato un piedino nell’addome della mummia, quindi sono riusciti a visualizzare l’intero feto, di circa 26-28 settimane.

Per ragioni ad oggi sconosciute, il feto non era stato rimosso dall’addome durante la mummificazione, ma proprio per questo – precisano gli scienziati – la mummia è davvero unica. Attualmente è infatti l’unica identificata con un feto nel grembo materno. Ancora non è noto però il sesso del bambino.

“Eravamo già nella fase di riassumere il progetto e di inviare la pubblicazione alla stampa – racconta Marzena Ożarek-Szilke, che ha collaborato alla ricerca – Con mio marito Stanisław, un archeologo dell’Egitto, abbiamo dato un’ultima occhiata alle immagini e notato un’immagine familiare per i genitori di tre figli: un minuscolo piede nell’addome della donna deceduta”.

mummia donna incinta

©Warsaw Mummy Project/Facebook

La storia di questa mummia è lontana e affascinante: secondo le ricostruzioni, infatti, questa fu portata in Polonia nel XIX secolo e per molto tempo si è creduto che all’interno della bara ci fosse effettivamente una donna, documentata così nella letteratura dell’epoca.

Ma nel periodo tra le due guerre, quando gli scienziati decifrarono i geroglifici sulla bara che indicavano chiaramente il suo proprietario, il sacerdote Hor-Djehuty, si concluse che la bara conteneva i suoi resti.

Le ricerche sono poi riprese nel 2016, quando la mummia apparve agli occhi degli archeologi piuttosto delicata per essere quella un uomo. Ma soprattutto, da una prima analisi più approfondita, fu scoperta l’assenza del pene.

Gli archeologi hanno dunque preparato una visualizzazione 3D del corpo che mostrava chiaramente i capelli lunghi e ricci e il seno mummificato, e ritengono oggi che la donna avesse un’età compresa tra i 20 e i 30 anni e che fosse di rango molto elevato.

mummia donna incinta

©Warsaw Mummy Project/Facebook

mummia donna incinta

©Warsaw Mummy Project/Facebook

Si cercherà ora di capire le cause della sua morte. Queste analisi partiranno da tracce di sangue del defunto conservate nei tessuti molli: infatti alcune tossine legate a malattie specifiche possono ancora essere rilevate oggi.

“L’elevata mortalità durante la gravidanza e il parto a quei tempi non è un segreto – spiega a questo proposito Wojciech Ejsmond, che ha guidato lo studio – Pertanto riteniamo che questa potrebbe in qualche modo aver contribuito al decesso della giovane donna”.

E, come spesso accade, molto di più di una curiosità.

“Questa mummia offre nuove possibilità per gli studi sulla gravidanza nei tempi antichi, che possono essere confrontati e correlati ai casi attuali.– scrive infatti il Warsaw Mummy Project sulla sua pagina Facebook – Inoltre, questo esemplare fa luce su un aspetto non studiato delle antiche usanze funerarie egiziane e sulle interpretazioni della gravidanza nel contesto dell’antica religione egizia”.

Il lavoro è stato pubblicato su Journal of Archaeological Science.

Fonti di riferimento: Science in Poland / Journal of Archaeological Science / Warsaw Mummy Project/Facebook

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Roberta De Carolis ha una laurea e un dottorato in Chimica, e ha conseguito un Master in comunicazione scientifica. Giornalista pubblicista, scrive per GreenMe dal 2010.
Consorzio del Prosecco

Salvaguardia della biodiversità e superfici destinate a siepi e boschetti: il contributo del Consorzio del Prosecco

eBay

Bricolage: le migliori soluzioni per organizzare al meglio i tuoi attrezzi da lavoro

eBay

Come scegliere la migliore piscina fuori terra per giardino o terrazzo

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook