Sarah Rosado: quando “lo sporco quotidiano” diventa arte

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin


Sarah Rosado è un’artista newyorkese. Fotografa e creativa per professione, l’illustratrice ha appena condiviso con noi la sua nuova serie di opere create usando lo “sporco quotidiano”.

 

Da tempo impegnata a rappresentare il mondo che la circonda, Sarah Rosado è sempre stata attratta dalla possibilità di fare arte usando oggetti di uso quotidiano, dal cibo ai fiori. Ed è così che è nata la serie di opere raccolte sotto il titolo Dirty Little Secrets. Dalla terra ai fondi di caffè fino agli dagli scarti alimentari, questo è ciò che l’artista ha usato per le sue opere.

Sentivo che sarebbe stato difficile per me avere a che fare con l’idea di plasmare qualcosa dallo sporco degli oggetti di uso quotidiano” ci ha raccontato via email. Altrettanto difficile era creare immagini dando loro un effetto 3D. Ma il risultato è sicuramente d’impatto.

Ogni opera ha il proprio significato, ma Sarah Rosado non vuole specificare la sua personale interpretazione delle immagini, spiegando che in questo modo saranno gli “spettatori” a dare loro il senso che preferiscono in base a ciò che vedono, liberi di associare un proprio significato a ogni “sporco piccolo segreto”.

Francesca Mancuso

LEGGI anche:

Dipingere con lo smog per sensibilizzare sull’inquinamento delle città. Le opere di Alessandro Ricci

Dirty Car Art: opere d’arte sui finestrini sporchi delle auto

Food Art: Corey Corcoran, l’uomo che dipingeva sui funghi

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook