Le bellissime opere d’arte realizzate con sabbia, terra e sporco provenienti da tutto il mondo (FOTO)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Realizzare una piccola opera d’arte a partire da terra e sabbia, e dalle impurità e dalla sporcizia che spesso contengono: è quello che ha fatto la designer canadese Marian Bantjes, che ha utilizzato a questo scopo i materiali raccolti nel corso dei suoi viaggi in giro per il mondo. E il risultato – un poster creato per Alliance Graphique International, sul tema della “Coesistenza” – è davvero particolare e interessante.

C’è chi, nel corso dei propri viaggi, acquista souvenir, chi scatta migliaia di foto e chi, come appunto Marian Bantjes, raccoglie sabbia e terra. Grazie ai viaggi intrapresi negli ultimi sei anni, spesso per seguire conferenze, la designer ha mano a mano creato un’ampissima collezione di suoli diversi, di consistenze e composizioni varie, raccolti in piccoli vasi di vetro.

“Raccolgo sabbia e sporco in giro per il mondo.” – scrive Banjes, raccontando il suo lavoro – “L’ho fatto per diversi anni, in attesa del progetto adatto in cui impiegarli. E questo è il progetto giusto. Lo sporco proviene da Sudafrica, Brasile, Argentina, Tailandia, New Mexico, California, Georgia, Filippine, Francia, Isola di Bowen, Isola di Galiano e altri luoghi che al momento non ricordo. Tutti quelli che hanno visto il mio poster menzionano i disegni di sabbia tibetani. Non sono così abile, e la mia sabbia è grumosa e irregolare… non posso davvero dire di aver pensato al Tibet, quando ho realizzato il poster. Si tratta, semplicemente, di Coesistenza.”

Solo una parte dei materiali raccolti negli ultimi anni da Banjes è stata utilizzata nel poster, che ha richiesto un lavoro lungo e certosino, a mano, per “addomesticare” granelli e grumi (ricorrendo, quando necessario, anche a mortaio e pestello) e collocarli all’interno della composizione.

bantjes mandala 02

Per prima cosa, l’artista ha disegnato a matita il decoro, che utilizza forme geometriche e lettere e che ricorda proprio la tradizione dei mandala; quindi, partendo dall’angolo in alto a sinistra e scendendo progressivamente verso quello in basso a destra, Banjes ha riempito il disegno con le sue sabbie e le sue terre, studiando le soluzioni migliori per far coesistere consistenze e caratteristiche tanto difformi.

bantjes mandala 03

bantjes mandala 04

Come accade con i tradizionali mandala tibetani, i diversi componenti del decoro non sono stati incollati sulla superficie: dopo aver completato la composizione, Banjes l’ha fotografata e poi ha pulito via sabbia e terra, distruggendo l’originale e affidandone il ricordo solo alla pellicola.

bantjes mandala 01

Lisa Vagnozzi

Photo Credits: Marian Banjes

LEGGI anche

I meravigliosi mandala dipinti sui dischi in vinile (FOTO E VIDEO)

Le meravigliose pietre colorate con i mandala (FOTO)

I meravigliosi mandala di sabbia realizzati dai monaci tibetani (FOTO)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook