Questo artista ha creato un surfista di 40 metri sulla sabbia usando solo un rastrello da giardino

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Ci ha messo sei ore ma alla fine è venuto fuori un vero capolavoro. Un’artista appassionata di lavori con la sabbia e in pensione ha creato il ritratto di un surfista alto ben 40 metri usando soltanto un rastrello da giardino.

Lei è Claire Eason, 55 anni ed ex medico, e ha reclutato dozzine di volontari per farsi aiutare a creare questa bellissima figura nella baia di Beadnel, nel Northumberland, Regno Unito.

L’enorme “schizzo” di sabbia è stato visibile solo per poche ore prima di essere spazzato via dalla marea.

Ho pensato che sarebbe stato bello fare qualcosa per riconoscere questi bellissimi sport acquatici – dice Claire alle pagine di Metro News. Il surf è qualcosa che mi piace perché non è distruttivo per l’ambiente e mi piace promuovere un’attività che abbia un aspetto ecologico”.

L’artista ha disegnato l’immagine con l’ausilio di un drone per controllare i suoi progressi dall’alto e ha dovuto aspettare fino a quando la marea aveva raggiunto il suo picco per poi lasciare sabbia fine e umida.

E il risultato è davvero eccezionale.

disegno sabbia

©SWNS

disegno sabbia

©SWNS

Fonte: Metro News

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per Greenme.it dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Fairtrade

Le settimane Fairtrade del commercio equo e solidale: compra etico e scopri online l’impatto dei tuoi acquisti

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook