Steet Art: a Roma i cassonetti dei rifiuti diventano opere d’arte

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Da cassonetti dei rifiuti a opere di street art. E così Roma rinasce. Non sempre i graffiti nelle nostre città sono un buon segno. Spesso, purtroppo, si trasformano in un mezzo per imbrattare monumenti storici ed opere d’arte, ma altrettanto di frequente diventano un sinonimo di bellezza ritrovata, anche nelle aree più degradate.

Retake Roma sta agendo per migliorare la qualità della vita nella capitale. Si tratta di un movimento non-profit che vede al proprio centro la possibilità di rendere piacevole il decoro urban, grazie alla creatività, e di formare nuovi legami tra le persone in nome di una città più bella e più pulita.

Per Retake Roma – di cui potete visitare il sito web e la pagina Facebook – l’importante è fare comunità perché, come sappiamo bene, l’unione fa la forza. Ed è così che i cassonetti della spazzatura, da contenitori anonimi, diventano opere da ammirare, decorate nei minimi dettagli con colori allegri e rilassanti. Non si tratta dunque di vandalismo, ma di veri e propri “art attack” dedicati ai cassonetti.

E per decorare al meglio le loro superfici, con disegni così minuziosi, occorre certamente riscoprire il senso del bello e l’utilizzo di materiali adatti allo scopo, come la carta da parati. Così i cassonetti acquistano un aspetto migliore e una nuova dignità. Il tutto avviene in modo del tutto legale, dato che Retake Roma ha deciso di operare in collaborazione con il Comune e con l’Ama, azienda che si occupa della gestione dei servizi ambientali.

cassonetti

cassonetti2

cassonetti3

La realizzazione dei rivestimenti colorati per i cassonetti dei rifiuti è avvenuta grazie all’impegno dell’artista Christina Finley e con l’aiuto dei volontari di Retake Roma. Insieme, i partecipanti al progetto hanno deciso di scegliere l’arte come arma positiva per combattere il degrado nella capitale e, con grande dedizione, ci stanno riuscendo. I volontari contano sempre più sulla collaborazione dei cittadini, che stanno riscoprendo l’importanza di prendersi cura dei beni comuni. Sarebbe fantastico riproporre l’iniziativa in altre città d’Italia. Siete pronti a mettervi in gioco? Possiamo riportare la grande bellezza anche tra i rifiuti.

Marta Albè

Fonte foto: retakeroma.com

Leggi anche:

Goodwill: i cassonetti intelligenti per la raccolta degli abiti usati che facilitano la beneficenza
Trashcam project: quando il cassonetto della spazzatura diventa una grande macchina fotografica e uno strumento d’arte

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Life Coach, insegnante di Yoga e meditazione. Autrice del libro “La mia casa ecopulita” edito da Gribaudo - Feltrinelli editore.
Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook