Isola di Pasqua, svelato il mistero dei Moai: segnalavano la presenza di acqua potabile

Moai acqua potabile

Uno dei misteri più affascinanti dell’Isola di Pasqua potrebbe essere vicino alla soluzione. Un nuovo studio ha rivelato che le celebri statue dei Moai furono costruite in prossima di fonti d’aqua dolce.

A sostenerlo è un team di ricercatori guidati dall’antropologo Carl Lipo della Binghamton University, che ha studiato le potenziali relazioni tra luoghi di costruzione, orti agricoli, vicinanza al mare e fonti di acqua dolce, le tre risorse più importanti di Rapa Nui.

L’isola è nota per la sua elaborata architettura rituale, in particolare per le sue numerose statue, i moai, e le piattaforme monumentali che le sostenevano, chiamate ahu. Da tempo, gli scienziati di tutto il mondo cercavano di capire il significato di questi emblematici volti e soprattutto il motivo della loro posizione in determinate località dell’isola, considerando anche il tempo e l’energia necessari per costruirli.

I risultati della nuova ricerca sembrano gettare nuova luce sul mistero e suggeriscono che le posizioni delle ahu sono dovute alla vicinanza alle limitate fonti d’acqua dell’isola.

“La questione della disponibilità di acqua (o della sua mancanza) è stata spesso menzionata dai ricercatori che lavorano a Rapa Nui/Isola di Pasqua”, ha detto Lipo. “Quando abbiamo iniziato a esaminare i dettagli dell’idrologia, abbiamo iniziato a notare che l’accesso all’acqua dolce e la posizione delle statue erano strettamente collegati tra loro.

Quando gli scienziati della Binghamton University hanno iniziato a esaminare le aree intorno alle ahu, hanno scoperto che la loro posizione era esattamente collegata ai punti in cui emergeva la fresca acqua di falda. Più guardavano, più lo schema si ripeteva: i luoghi senza ahu e moai non mostravano acqua dolce mentre quelli in cui erano presenti indicavano vicine fonti di acqua potabile.

Secondo Terry Hunt dell’Università dell’Arizona, la vicinanza dei monumenti all’acqua dolce dice molto sull’antica società isolana.

“I monumenti e le statue si trovano in luoghi con accesso a una risorsa fondamentale per gli isolani su base giornaliera, l’ acqua fresca: in questo modo, i monumenti e le statue degli antenati divinizzati degli isolani riflettono generazioni di condivisione, centrata sull’acqua, ma anche cibo, famiglia e legami sociali”.

Nonostante le risorse limitate, gli isolani hanno avuto successo condividendo attività, conoscenze e risorse per oltre 500 anni fino a quando i contatti con gli europei ne hanno interrotto la vita con malattie straniere e scambi di schiavi.

I ricercatori attualmente dispongono solo di dati completi sulla presenza di acqua dolce nella parte occidentale dell’isola e intendono effettuare un’indagine completa per continuare a testare la loro ipotesi sulla relazione tra ahu e acqua potabile.

Lo studio è stato pubblicato su PlosOne.

LEGGI anche:

Francesca Mancuso

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

Yves Rocher

Premio Terre de Femmes e l’impegno di Yves Rocher nella tutela dell’ambiente

Seat

Auto a metano, il self service darà una nuova spinta?

Germinal Bio

10 idee da mettere dentro il cestino da picnic e accontentare tutti

corsi pagamento

seguici su facebook