Da cava dismessa a tempio buddista: nasce in Toscana il primo monastero tibetano d’Italia

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Sarà il primo in Italia e il più grande d’Europa e sorgerà laddove un tempo si estraeva il marmo. Dopo un lungo iter burocratico, si realizzerà finalmente un monastero buddista di rito tibetano nei pressi della già esistente comunità buddista di Pomaia, località sulle colline pisane e frazione del Comune di Santa Luce.

Qui, nella vecchia cava di marmo di “Poggio della Penna” già appartenente ai monaci, troverà quindi spazio quello che sarà anche il primo monastero buddista al mondo ad essere costruito nel Terzo Millennio. Una comunione di intenti e di voleri non solo per i buddisti, ma anche per le altre comunità e per i piccoli gruppi zen, nel cuore della bellissima Toscana.

Il progetto è a firma dell’architetto Gino Zavanella, che ha ideato un vero e proprio “parco della contemplazione” diviso in due rami: uno dedicato ai monaci, l’altro alle monache. Ci saranno anche le cucine, la biblioteca, le sale per la meditazione e la residenza per l’abate Lama.

Era il febbraio 2008 quando si cominciò a parlare della realizzazione di un monastero buddista da affiancare all’Istituto di Pomaia, nato nel 1977 e diventato uno dei primi centri europei di riferimento per il buddismo tibetano

Un’opera importante che la comunità religiosa ha inseguito per anni, nell’obiettivo (nato dalla volontà di Lama Ghesce Ciampa Ghiatso, il lama residente che ha guidato l’istituto e morto nel 2007) di creare in occidente un centro per la preghiera e dare la possibilità di approfondire i temi religiosi e la lingua tibetana.

Nello stesso 2008, il progetto fu presentato pubblicamente dalla Sangha onlus, l’associazione creata proprio per raccogliere fondi finalizzati alla costruzione del monastero, e la presentazione avvenne in contemporanea con la visita a Pomaia del Dalai Lama, nel 2014, che benedisse il terreno sui cui presto sorgerà il monastero.

monastero buddista toscana

Ora il progetto si avvicina alla realtà, ma intanto voi perché non vi allenate con i 5 riti tibetani?

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per Greenme.it dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook