Premio Bancarella 2019: “Il ladro gentiluomo” di Alessia Gazzola conquista i librai ‘ambulanti’

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Ad aggiudicarsi la vittoria del Premio Bancarella 2019 è stata Alessia Gazzola con “Il ladro gentiluomo”, che ha conquistato i librai indipendenti.

Nelle loro vene scorre sangue da ambulanti, e si sa, il sangue non mente! Stiamo parlando dei librai pontremolesi che, nel lontano 1952, per la prima volta, si riunirono in provincia di Massa-Carrara in Toscana, circondati da scrittori, editori, uomini politici giunti in loco per assistere al Premio Bancarella, l’unico, inimitabile, esclusivo premio letterario gestito solo da librai indipendenti, e che librai! La loro storia si perde infatti nella notte dei tempi.

Venditori ambulanti, girovagavano per il paese a caccia di clienti, libri e invitanti resti di magazzino a basso costo, scovati presso qualche editore. Non era una vita facile la loro perché la vendita all’aperto comportava tante difficoltà ma non mancavano le soddisfazioni, sia in termini economici che culturali. Trovavano i libri migliori “a fiuto” ed evidentemente ne avevano molto! Poi partivano con i carretti pieni di merce alla conquista di montagne e campagne, convincendo i contadini a comprare quei testi. Bastava leggere poche righe per ammaliarli.

Era così la loro vita, una missione, esattamente come il Premio Bancarella, nato senza troppe formalità, puro, genuino, prezioso, dove il libro non è solo merce ma conserva il suo valore letterario. E non è un caso se oggi è diventato una delle manifestazioni letterarie più importanti di tutta Italia. Fu Hemingway a vincerlo nel ’53 con “Il vecchio e il mare”, e oggi a distanza di 66 anni, a conquistarsi il voto dei librai, con tanto di rito dello spoglio in piazza da parte del notaio, è stato “Il ladro gentiluomo” di Alessia Gazzola di Longanesi.

Proprio come un tempo, la vittoria è stata proclamata nella piazza della Repubblica di Pontremoli, insieme agli amici librai di una vita, che qui ogni anno si riuniscono, orgoglio culturale della nostra bella Italia. La Gazzola, premiata dal Presidente Sara Rattaro e da Gioia Marzocchi, attrice e conduttrice televisiva, si è aggiudicata per la precisione 149 voti su 160 schede, un riconoscimento di cui va giustamente molto fiera.

“Sono felicissima, piena di gratitudine, nei confronti dei librai per un onore così grande e del mio editore per il sostegno immancabile.”

Secondo classificato Marco Scardigli con “Évelyne” di Interlinea, terzo Marino Magliani con “Prima che te lo dicano gli altri” di Chiarelettere. A seguire Giampaolo Simi con “Come una famiglia” di Sellerio, Tony Laudadio con “Preludio a un bacio” di NN Editore, Elisabetta Cametti con “Dove il destino non muore” di Cairo.

Ti potrebbe interessare anche:

Laura De Rosa

Fonte e Photo Credit: Premio Bancarella

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze dei Beni Culturali, redattrice web dal 2008 e illustratrice dal 2018, ha pubblicato per Giochidimagia Editore "Il sogno attraverso il tempo". Con SpiceLapis ha realizzato "Memento Mori, guida illustrata ai cimiteri più bizzarri del mondo".
Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook