Scoperto in Messico uno straordinario palazzo Maya

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Straordinaria scoperta in Messico: un palazzo appartenuto all’elìte Maya è stato rinvenuto dai ricercatori dell’Instituto Nacional de Antropología e Historia (INAH) e racconta la storia dell’incredibile civiltà precolombiana che ha utilizzato l’edificio per 5 secoli.

La costruzione, appena rinvenuta nel sito archeologico Kulubà, è lunga circa 55 metri per 15 metri di larghezza e 6 metri di altezza, e secondo gli esperti avrebbe vissuto due fasi di occupazione: una nel periodo tardo classico (600-900 d.C.). C.) e una seconda nel cosiddetto periodo classico terminale (850-1050 d.C.), per un totale di 5 secoli.

Insieme a questo palazzo, gli esperti stanno studiando e consolidando le conoscenze di  altre quattro strutture nella suddetta piazza del Gruppo C del sito: un altare, due spazi per uso residenziale e una costruzione rotonda che, si ritiene fosse un forno.

“È stato nel periodo classico terminale quando Chichén Itzá, diventando una metropoli di spicco nel nord-est dell’attuale Yucatan, ha esteso la sua influenza su siti come Kulubá, che, dai dati che abbiamo e dai materiali ceramici forniti da questa città Maya, possiamo dedurre divenne un’enclave di Itzá” spiega Alfredo Barrera Rubio, che ha partecipato alle ricerche.

I lavori nell’area archeologica, accompagnati da esperti di restauro e sostenuti finanziariamente dal governo messicano, sono iniziati a novembre 2018 e termineranno a marzo 2020, quando gli archeologi sperano che il sito possa essere aperto al pubblico.

“Che Kulubá sia una proprietà completamente statale è molto importante quando si pianifica il suo progressivo potenziamento: questo ha effetti sostenibili e positivi per le comunità circostanti” sostiene il ricercatore nel lodare il lavoro dei 55 lavoratori a giornata, 20 dei quali donne, che preservano la città preispanica, conoscendo il patrimonio archeologico nel suo luogo di origine.

Una parte aggiuntiva delle risorse destinata al sito sarà poi dedicata alla mappatura e al rilevamento topografico di 234 ettari, nonché all’analisi del modello insediativo della città preispanica, interamente sotto la custodia dell’INAH.

Inoltre una futura azione consisterà nella riabilitazione del vecchio scafo Rancho Kulubá, poiché questa costruzione, situata all’interno dell’area protetta, è a sua volta un vestigia storica della prima metà del 20° secolo, con tetti di palma guano, murature tradizionali e amache in legno.

Un immenso patrimonio che ci auguriamo possa essere ammirato presto da tutti.

Leggi anche:

Cover: Instituto Nacional de Antropología e Historia

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Roberta De Carolis ha una laurea e un dottorato in Chimica, e ha conseguito un Master in comunicazione scientifica. Giornalista pubblicista, scrive per GreenMe dal 2010.
Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook