Notre-Dame: i rosoni risparmiati dalle fiamme. Ecco cosa si è salvato

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Nel disastro di fiamme e fuoco (e successiva acqua) che ha colpito ieri la cattedrale di Notre-Dame, per fortuna non tutto è andato distrutto. Si è salvato ad esempio il rosone Nord e altri importanti tesori contenuti all’interno della cattedrale parigina, patrimonio dell’umanità.

Tutti abbiamo visto le terribili immagini di quanto accaduto ieri a Notre-Dame ed è iniziata già da diverse ore la stima dei danni. È noto ormai che il tetto è crollato e anche la preziosissima guglia centrale della cattedrale con la sua struttura portante in legno. Ma poteva andare anche peggio, la struttura infatti, anche se molto danneggiata, nel complesso è salva.

Fortunatamente l’incendio non è riuscito a distruggere tutte le opere custodite all’interno, parte dell’architettura stessa dell’edificio o oggetti di culto del tesoro della cattedrale. Tra le cose rimaste intatte vi sono i rosoni nord e sud, risparmiati dalle fiamme ma che potrebbero comunque essere stati in parte deteriorati dall’acqua. Un danno comunque minore rispetto a quello che avrebbe potuto provocare il fuoco.

Il danno è difficile da valutare ha dichiarato oggi l’ Arcivescovo di Parigi, Aupetit. La guglia della cattedrale è andata in fumo proprio come una parte del tetto ma questi gioielli gotici sono riusciti a resistere.

“Da quello che ho potuto vedere, le vetrate non erano state toccate, le tre bellissime rose che risalgono al 12 ° e 13 ° secolo erano ancora lì”, ha dichiarato André Finot, portavoce della cattedrale, che è riuscito ad entrare nella navata durante la notte.

rosone nord

C’è ancora paura, però, per queste preziose vetrate a causa della fragilità dell’edificio dopo il terribile incendio e dato che altre finestre meno importanti (in quanto risalenti al XIX) risultano già rovinate.

Un altro piccolo miracolo che è avvenuto stanotte a Notre-Dame, ha riguardato l’organo della cattedrale che è stato risparmiato dalle fiamme anche se sono da valutare i problemi che possono essere subentrati in seguito alla forte pressione dell’acqua.

notre dame organo

Fortunatamente si salvate anche due famose reliquie: la corona di spine di Cristo (tra le opere più preziose custodite nella cattedrale) e la tunica di San Luigi. Ancora intatte anche le 16 statue di rame che raffigurano Gesù, i 12 apostoli e i simboli degli evangelisti. Queste erano state rimosse durante i lavori di restauro.

notre dame corona spine

Un particolare ha poi colpito i tanti fedeli shockati da quanto successo a Parigi. Dalle prime foto scattate all’interno della cattedrale, subito rimbalzate sui social, si nota in mezzo ai cumuli di macerie e fumo, l’altare e la croce rimasta intatta. Un segnale di speranza vista anche la Pasqua imminente.

notre dame croce

Le opere del tesoro di Notre-Dame sono state messe al sicuro e dovrebbero presto essere trasferite al Louvre.

Queste ovviamente sono solo le prime stime, adesso sarà compito delle autorità competenti fare il punto della situazione per valutare cosa si è salvato e cosa no di ciò che era contenuto nella cattedrale. Importante anche capire quanto è stabile l’edificio proprio per evitare ulteriori danni.

Leggi anche:

Francesca Biagioli

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook