Trovata al largo di Maiorca nave affondata 2000 anni fa piena di antico “ketchup romano”

nave-romana-maiorca

Al largo della costa di Maiorca è stato rinvenuto un relitto in perfette condizioni, con 100 anfore contenenti alimenti come il garum, il cosiddetto “ketchup romano“, destinati alla capitale dell’Impero.

Si tratta di un piccolo relitto, la cui missione principale era il trasporto di cibo dalla costa spagnola a Roma. Tuttavia, all’epoca, qualcosa è andato storto, la nave infatti è affondata con tutto il suo contenuto.

Duemila anni dopo, però, è stata recuperata in perfette condizioni e con le iscrizioni intatte grazie al lavoro dell’Instituto Balear de Estudios de Arqueología Marítima. Il contenuto del relitto è molto prezioso, sono state trovate 100 anfore perfettamente sigillate con cibo all’interno destinato a raggiungere la capitale dell’impero.

Cosa contenevano esattamente? Olio d’oliva, vino e garum, una salsa a base di pesce molto apprezzata a Roma e conosciuta oggi popolarmente tra gli storici come “ketchup romano”. Si trattava di una preparazione con cui condire il cibo, realizzata da budello di pesce messo in una grande ciotola e mescolato con una serie di spezie aromatiche e molto sale per poi lasciarlo asciugare per diversi mesi all’aperto .Quando la miscela fermentava, il liquido veniva filtrato e si utilizzava per gli stufati.

Il garum trovato nelle anfore, rimasto per tutti questi secoli sul fondo del mare, è ovviamente cristallizzato ed è pertanto necessario eseguire un procedimento per riportarlo allo stato originario. Solo tra un paio di mesi gli esperti potranno vedere il contenuto così come si presentava all’epoca in cui la nave stava tentando di trasportare il cibo a Roma.

Le buone condizioni delle anfore, vasi tradizionali con due manici e un collo stretto, permetteranno loro di essere esposte nel museo della città, ma la loro rilevanza è maggiore considerando proprio che gli archeologici sono stati in grado di recuperare il loro contenuto intatto.

Gli esperti ritengono che la nave non sia affondata durante una tempesta ma a causa di una manovra sbagliata che avrebbe causato una perdita nello scafo. Questa teoria è la più plausibile dato l’ottimo grado di conservazione in cui è stato trovato il suo carico. In caso contrario, infatti, questo sarebbe stato disperso e spezzato in diverse parti.

Leggi anche:

Francesca Biagioli

Schar

12 ricette senza glutine dall’antipasto al dolce

Coop

Dopo uva, meloni e ciliegie, anche le clementine dicono addio al glifosato

Ecotyre

Da Gomma a Gomma: lo pneumatico verde tutto italiano realizzato con materiali riciclati

tuvali
seguici su Facebook