‘Napule è’: la meravigliosa luminaria di 120 metri che canta Pino Daniele nel Rione Sanità

120 metri di parole, quelle di una delle canzoni più famose di Pino Daniele, in una luminaria da record: al Rione Sanità, a Napoli, si inaugura stasera – alla vigilia della festa di San Gennaro – una nuova installazione luminosa e “parlante”.

Parlante” perché ogni filo della luminaria riporterà i versi di una delle canzoni più celebri del cantante napoletano, scomparso 2015 lasciando alla città un vuoto che sarà difficile colmare: Napule è (inserita come traccia di apertura nell’album di esordio Terra mia del 1977) è da sempre considerata una poesia, specchio reale di questa fragile città, orgogliosa e sofferente.

La luminaria record si estende per oltre 120 metri ed è stata ideata dal direttore artistico Tiziano Corbelli e realizzata dall’artigiano Antonio Spiezia. Ad accompagnarne l’accensione di stasera sarà il coro dei bambini della Fondazione di Comunità San Gennaro.

Il Rione Sanità con questa iniziativaspiega Ivo Poggiani presidente della terza municipalità – continua il percorso di credo e di rinascita, di volontà e di rinnovamento”.

L’anno scorso era stata installata all’ingresso del quartiere un’altra luminaria con il testo di una poesia di Totò, nativo del rione, come benvenuto a napoletani e turisti. La installazione dedicata a Pino Danele rimarrà nel quartiere per sei mesi, poi verrà venduta frase per frase e il ricavato andrà a beneficio di opere e servizi per i bambini della città.

Il testo di Napule è

Napule è mille culure
Napule è mille paure
Napule è a voce de’ criature
Che saglie chianu chianu
E tu sai ca’ nun si sulo

Napule è nu sole amaro
Napule è addore e’ mare
Napule è na’ carta sporca
E nisciuno se ne importa

E ognuno aspetta a’ ciorta

Napule è na’ camminata
Int’ e viche miezo all’ate
Napule è tutto nu suonno
E a’ sape tutto o’ munno
Ma nun sanno a’ verità.

Napule è mille culure
(Napule è mille paure)
Napule è nu sole amaro
(Napule è addore e’ mare)
Napule è na’ carta sporca
(E nisciuno se ne importa)
Napule è na’ camminata
(Int’ e viche miezo all’ate)
Napule è mille culure
((Napule è mille paure)
Napule è nu sole amaro
(Napule è addore e’ mare)

 

Leggi anche:

Germana Carillo

Giornalista pubblicista, classe 1977, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing e correzione di bozze. Direttore di Wellme.it per tre anni, scrive per Greenme.it da dieci. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Deceuninck

Finestre e serramenti in ThermoFibra: cos’è e quali sono i vantaggi della loro installazione

TuVali.it

150+ corsi online su Salute e Benessere, a partire da 5€ (in collaborazione con GreenMe)

Mediterranea

Come prendersi cura delle mani dopo lavaggi frequenti

Izanz

Piretro: l’insetticida naturale contro le zanzare

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook