Resti di balene nel deserto? Ecco il primo Museo dei fossili del Medio Oriente

Com’è possibile che nel deserto egiziano ci siano fossili di balene? La risposta è semplice: circa 50 milioni di anni fa, il sito naturalistico di Wadi al-Hitan o Valle delle balene era sommerso dal mar Tetide, oggi invece è sede del primo Museo dei Fossili e del cambiamento climatico del Medio Oriente.

Già tra i patrimoni dell’Umanità Unesco, la Valle delle balene è adesso lo scenario del Museo che vedete in queste immagini.

Inaugurato pochi giorni fa, esso contiene una preziosa collezione di fossili, tra cui gli archeocèti, un sottordine estinto di cetacei, che si distinguono dagli attuali per la presenza di narici e per la dentatura. Molti degli scheletri che si sono conservati fra le formazioni rocciose sono in buone condizioni.

wadi al hitan museum 22

wadi al hitan museum 32

wadi al hitan museum 42

Durante la cerimonia, come riporta l’Agenzia Nova, l’ambasciatore italiano al Cairo Maurizio Massari, ha sottolineato l’impegno dell’Italia nel settore della protezione ambientale e ha indicato che la terza fase del Programma di cooperazione ambientale italo-egiziano, di prossimo avvio, contribuirà alla sostenibilità delle attività intraprese per rafforzare il sistema delle Aree protette in Egitto con uno stanziamento di tre milioni di euro.

L’idea del Museo fa parte di un progetto messo in campo dal governo egiziano per rilanciare il turismo della zona e soprattutto per ripristinare la fiducia nella sicurezza delle aree a rischio.

wadi al hitan museum 52

wadi al hitan museum 62

wadi al hitan museum 72

wadi al hitan museum 102

wadi al hitan museum 112

Il Museo è a forma di cupola e si sposa perfettamente con il paesaggio circostante fondendosi con le dune di sabbia. Al suo interno, ci sono anche utensili preistorici usati dai primi esseri umani e vari fossili di balena esposti in scatole di vetro che mostrano la transizione evolutiva.

Dominella Trunfio

Photo credit: Thomas Hartwell / AP Photo

Fonte

LEGGI anche:

L’Atlantide d’Egitto: statue gigantesche, antichi monili e steli riposavano in fondo al mare

Giornalista professionista, laureata con lode in Scienze Politiche e con un master in Comunicazione Pubblica e Politica. Vincitrice di due premi giornalistici per la realizzazione di due documentari. A settembre 2017 pubblica "Appunti di antimafia. Breve storia delle azioni della ‘ndrangheta e di quelli che l’hanno contrastata".
TuVali

+ di 100 corsi online su Salute e Benessere, a partire da 5€ su TuVali.it

Gewiss

Joinon: le nuove colonnine di ricarica smart che si gestiscono via app

Roma Motodays
Seguici su Instagram
seguici su Facebook