Nella baraccopoli di Mumbai il primo museo itinerante nato dai rifiuti (FOTO)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Un piccolo museo del design realizzato completamente con materiali riciclati che può essere trainato semplicemente con una bicicletta. Questa l’idea di un gruppo di artisti che hanno progettato il primo museo al mondo nel quartiere Dharavi di Mumbai, una delle più grandi baraccopoli esistenti. Ma anche, una delle zone in cui non manca la creatività.

Qui, infatti, ogni giorno si creano oggetti intrecciando tessuti e riciclando sia plastica che altre materie prime, una grande conquista per lo slum costruito da persone che vivono con 2 dollari al giorno, senza alcun aiuto da parte dello Stato.

La loro capacità di reinventare se stessi e l’ambiente circostante è eccezionale. È possibile trovare famiglie che da generazioni si tramandano il mestiere e che addirittura riescono a creare oggetti all’avanguardia utilizzando anche tecnologie come laser. Eppure quando si parla di luoghi come Dharavi continuano a esserci pregiudizi, spiegano gli artisti Jorge Mañes Rubio, Amanda Pinatih, Matias Echanove, e Rahul Srivastava.

3054058 slide s 2 artists are building the worlds first design

3054058 slide s 4 artists are building the worlds first design

3054058 slide s 7 artists are building the worlds first design
Ennesima dimostrazione, quindi, che l’ispirazione e la creatività si possono trovare anche nei luoghi più impensabili. Il museo itinerante oltre agli oggetti realizzati dagli artigiani della baraccopoli, ospiterà workshop ed eventi.

Non c’è quasi nessuno spreco a Dharavi, perché tutto viene riciclato o riutilizzato e noi vogliamo far conoscere come utilizzare in maniera creativa le materie prime, continua il team.

L’obiettivo rimane quello di creare musei simili in altre baraccopoli.

Questa prima esperienza servirà a misurare l’impatto reale che la nostra proposta può avere su scala globale e capire come può cambiare la percezione che abbiamo di alcuni luoghi, concludono gli artisti.

Dominella Trunfio

LEGGI anche:

Eco-gioielli dai rifiuti elettronici (e non) in mostra al Museo del riciclo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.
Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook