“Ospiti”: al Museo del Prado la mostra che riabilita il ruolo delle donne nell’arte

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Invitadas”, “Ospiti”, ovvero che ruolo hanno avuto o non hanno avuto le donne nell’arte ufficiale. Il Museo del Prado di Madrid inaugura la sua prima mostra temporanea dopo il lockdown, un viaggio che rivendica il ruolo delle donne evidenziando l’ostilità con cui sono state trattate dal sistema artistico spagnolo nel XIX e all’inizio del XX secolo. Un ricordo del moralismo che condannò all’ostracismo artisti critici come Antonio Fillol o Aurelia Navarro.

Invitadas – Fragmentos sobre mujeres, ideología y artes plásticas en España (1833-1931)” è il titolo del percorso di oltre 130 opere nei meandri di una riflessione sul modo in cui i poteri costituiti hanno trattato il ruolo della donna nella società attraverso le arti visive, dal regno di Isabella II a quello del nipote Alfonso XIII. Durante questo periodo, il Museo del Prado divenne un elemento centrale nell’acquisto e nella mostra di arte contemporanea e giocò un ruolo sostanziale nella costruzione dell’idea della moderna scuola spagnola.

E così oggi, questa mostra vuole essere un’analisi critica – come si legge su El Pais – dei temi che segnarono la vita di metà della popolazione in quel momento e, con essa, “l’idiosincrasia e i valori nazionali”. Dall’ampiezza di questa idea si copre una prospettiva specifica: quella dell’arte promossa dallo Stato, che ha premiato alcune immagini e ne ha respinto altre in base al loro carattere moralizzante.

Questa mostra è un chiaro esempio della volontà del Prado di continuare ad essere un riferimento culturale anche nei momenti di difficoltà. Per questo, voglio ringraziare l’impegno della Fondazione AXA e, soprattutto, quello di tutti i dipendenti di questa istituzione che, con il loro impegno e dedizione, lo rendono possibile”, dichiara Javier Solana, Presidente del Royal Board of Trustees del Museo Nacional del Prado.

La mostra, articolata attraverso episodi particolarmente significativi di quel determinato sistema artistico, genera un insieme di scenari su cui riflettere e analizzare alcune delle conseguenze più profonde di una mentalità condivisa. In tutti questi spazi le donne che compaiono sono raramente protagoniste del proprio libero arbitrio e raramente si trovano nei luoghi che desiderano; erano, appunto, solo Ospiti goffe sulla scena artistica del loro tempo.

“Questo è un viaggio critico verso l’epicentro della misoginia del diciannovesimo secolo – spiega il curatore, Carlos G. Navarro. […] Il museo ora sta compiendo un balzo verso un futuro in cui l’immagine dell’artista donna possa essere rivista con maggiore precisione”.

Questo tour evidenzia anche l’impegno del Museo Nacional del Prado per la conservazione, lo studio e la diffusione delle sue collezioni nel suo desiderio di rendere visibili opere che non sono sempre disponibili al pubblico.

Fonti: Museo El Prado / El Pais

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per greenMe dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
ABenergie

Come scegliere e valutare il tuo gestore di energia luce e gas. Scarica la guida

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook