Uno studio avverte che un terzo dei musei del mondo è in pericolo di chiusura definitiva

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Licenziamenti, chiusure, calo delle entrate e cessazione delle attività: tempi bui anche per i musei, molti dei quali corrono un autentico “rischio di estinzione” a causa della pandemia da coronavirus e del lockdown che ne è conseguito. L’emergenza sanitaria ha di fatto interrotto le attività dei musei di tutto il mondo, minacciando la loro sopravvivenza e il sostentamento di migliaia di professionisti.

Per raccogliere informazioni su come il Covid-19 in corso stia influenzando e influenzerà il settore culturale a breve e lungo termine, l’International Council of Museums (ICOM), la più grande organizzazione internazionale in questo settore collegata all’Unesco, ha lanciato un sondaggio globale.

Il sondaggio ha riguardato 5 temi: la situazione attuale per musei e personale, impatto economico previsto, digitale e comunicazione, sicurezza dei musei e conservazione delle collezioni, liberi professionisti.

Il rapporto ICOM ha analizzato quasi 1.600 risposte di musei e professionisti museali, in 107 Paesi e in tutti i continenti, che sono state raccolte tra il 7 aprile e il 7 maggio 2020.

Il sondaggio

  • nel mese di aprile, quasi tutti i musei di tutto il mondo sono stati chiusi a causa della pandemia di Covid-19, secondo il 94,7% degli intervistati

chiusura musei

©ICOM

  • durante il blocco, molti musei hanno migliorato le loro attività digitali. Sebbene quasi la metà degli intervistati abbia risposto che il loro museo era già presente sui social media o aveva condiviso le sue collezioni online prima dei blocchi, le attività di comunicazione digitale analizzate dal sondaggio sono aumentate per almeno il 15% dei musei, e in particolare le attività sui social media sono aumentate per oltre la metà dei musei che hanno partecipato
  • la maggior parte dei professionisti dei musei ha lavorato a distanza: nell’84% dei musei che hanno risposto, almeno una parte del personale ha lavorato a distanza durante la chiusura forzata
  • la situazione dei dipendenti a tempo indeterminato sembra relativamente stabile, ma nel 6% dei casi i contratti non sono stati rinnovati o risolti
  • tuttavia, la situazione dei professionisti dei musei freelance è allarmante: il 16,1% degli intervistati ha dichiarato di essere stato temporaneamente licenziato e per il 22,6% non è stato rinnovato il contratto. Il settore dei freelance è molto fragile: il 56,4% degli intervistati ha dichiarato che dovranno sospendere il pagamento del proprio stipendio a causa della crisi, il 39,4% ha dichiarato che le loro aziende ridurranno il personale
musei lavoratori

©ICOM

  • allo stesso modo, quasi tutti i musei di tutto il mondo ridurranno le loro attività a causa delle conseguenze della pandemia, quasi un terzo di loro ridurrà il personale e più di un decimo potrebbe essere costretto a chiudere definitivamente. L’82,6% degli intervistati prevede che i programmi museali dovranno essere ridotti e il 29,8% prevede che il numero del personale dovrà essere ridotto. Il 12,8% dei partecipanti teme che il loro museo potrebbe chiudere
  • le chiusure interesseranno in particolare le regioni in cui i musei sono recenti e pochi e dove le strutture sono ancora fragili: nei Paesi africani, asiatici e arabi il 24, il 27 e il 39% rispettivamente temono che i musei possano chiudere, rispetto solo al 12% in America Latina e i Caraibi, il 10% in Nord America e l’8% in Europa
  • in generale, la sicurezza e la conservazione del patrimonio nei musei sono state garantite per tutto il periodo di blocco: circa l’80% degli intervistati ha affermato che le misure di sicurezza e conservazione sono state mantenute o aumentate per far fronte alla mancanza di personale in loco. Tuttavia, in Africa, in America Latina e nei Caraibi queste misure sono state considerate insufficienti da quasi il 20% degli intervistati

Alla luce di ciò, l’ICOM, in rappresentanza della comunità museale internazionale, invita i politici e i decisori a stanziare urgentemente fondi di soccorso per assistere i musei e i loro professionisti, in modo che possano sopravvivere alla crisi e continuare la loro vitale missione di servizio pubblico.

Un processo lunghissimo e complesso, quello del recupero delle nostre economie e di “guarigione” della nostra società e i musei, in quanto protagonisti dello sviluppo locale e luoghi incomparabili in cui le persone possono incontrarsi e apprendere, non possono non avere un ruolo importante nella ricostruzione che ci aspetta.

Fonte: Rapporto ICOM

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per Greenme.it dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Cristalfarma

Come gestire nel proprio piccolo disturbi d’ansia e stress di uno dei momenti storici più difficili

Schär

Celiachia o sensibilità al glutine? Come ottenere una corretta diagnosi

TryThis

L’app che ti fa divertire sfidando i tuoi amici anche durante il lockdown

NaturaleBio

Cacao biologico naturale, in granella o in polvere: benefici e ricette per portarlo in tavola con gusto

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook