L’artista brasiliano Eduardo Kobra dipinge in un murales 5 religioni unite contro il coronavirus

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Tutto il mondo unito contro il coronavirus: l’artista brasiliano Eduardo Kobra dipinge 5 bambini delle religioni principali del mondo che pregano con la mascherina. Un segno di speranza e di unità per un mondo colpito insieme dalla pandemia. Il ricavato andrà a 2 ONG a servizio di senzatetto e rifugiati.

Come riporta il sito dell’artista, Eduardo Kobra è nato nel 1975 a Jardim Martinica, un quartiere povero nel sud di San Paolo, in Brasile, e oggi è tra i più famosi muralisti del mondo, con opere realizzate nei 5 continenti.

Dalle Olimpiadi di Rio nel 2016, detiene il record per il più grande murales mai realizzato, prima con ‘Etnias’, dipinto per celebrare l’evento, di 2.500 metri quadrati, e poi con un’opera in onore del cioccolato che occupa un muro di 5.742 metri quadrati ai margini dell’autostrada Castello Branco, nella regione metropolitana di San Paolo (2017).

Attualmente in quarantena con la sua famiglia, come (quasi) tutto il mondo, Kobra ha realizzato in studio la preparazione per un murales che intende presto realizzare per lanciare un messaggio: il coronavirus si sconfigge distanti ma uniti.

5 bambini pregano con la mascherina anti COVID-19 che riporta i simboli riferiti al cristianesimo, al buddismo, all’ebraismo, all’islam e all’induismo: tutti uniti contro un unico terribile flagello, che anche in Brasile, come nel resto del mondo, ha ucciso e continua a farlo.

“Vinceremo questo insieme, ma separatamente. O separati, e su questo insieme. In questi tempi di necessario isolamento sociale, è necessario avere fede – scrive l’artista su Twitter – Indipendentemente dalla nostra posizione geografica, etnia e religione, siamo uniti nella stessa preghiera”.

Distanti ma uniti.

“Possa Dio ispirare gli scienziati a trovare la soluzione a questa pandemia e confortare i nostri cuori in modo da avere forza e andare insieme come umanità” è la preghiera di Kobra

Che promette di non lasciare l’opera in studio.

“Intendo dipingere un pannello con un’immagine simile a questa, qui a San Paolo o in qualche parte del mondo – spiega al portale brasiliano Velia São Paulo – Se fosse possibile, metterei tutte le religioni, ma dipingerò le cinque più grandi per rappresentare tutta la fede dell’umanità”.

Perché il flagello è uno così come il mondo e, per chi ci crede, anche Dio.

Fonti di riferimento: Eduardo Kobra/Twitter / Velia São Paulo / Eduardo Kobra

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Roberta De Carolis ha una laurea e un dottorato in Chimica, e ha conseguito un Master in comunicazione scientifica. Giornalista pubblicista, scrive per GreenMe dal 2010.
Cristalfarma

Come gestire nel proprio piccolo disturbi d’ansia e stress di uno dei momenti storici più difficili

TryThis

L’app che ti fa divertire sfidando i tuoi amici anche durante il lockdown

NaturaleBio

Cacao biologico naturale, in granella o in polvere: benefici e ricette per portarlo in tavola con gusto

Schär

Celiachia o sensibilità al glutine? Come ottenere una corretta diagnosi

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook